Pelle a rischio: all’ordine del giorno lesioni, tagli e ferite

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Pelle a rischio: all’ordine del giorno lesioni, tagli e ferite

28-01-2015 - scritto da Viviana Vischi

La pelle è il principale organo di difesa del nostro organismo e il più esposto a lesioni e ulcere. Ecco come intervenire per evitare le infezioni.

L'importanza di pulire la pelle e disinfettarla in caso di escoriazioni, abrasioni, tagli e ferite.

Pelle a rischio: all’ordine del giorno lesioni, tagli e ferite

Agisce come barriera contro i microrganismi, gli agenti chimici e l’acqua. E’ coinvolta in processi di regolazione della temperatura corporea, nell’espellere prodotti di scarto e nel fornire informazioni sensoriali. Inoltre, produce anche vitamina D per proteggersi dal sole. E’ la pelle, l’organo più esteso di tutto il corpo, così importante nel proteggere tutti gli altri tessuti del nostro organismo. Eppure, è anch’essa a rischio. Abrasioni, tagli, escoriazioni, ferite e ulcere sono all’ordine del giorno e, se non curate in modo appropriato, possono sfociare in infezioni cutanee.

 

Le lesione della pelle vengono distinte in due gruppi:

  • Lesioni primitive: sono la diretta espressione del processo patologico che si svolge in seno alla cute. Si tratta di macchie, papule, noduli, vescicole, bolle, pustole e pomfi
  • Lesioni secondarie: si evolvono dalle lesioni primitive e, nello specifico, sono macchie, croste, escoriazioni, esulcerazioni, ulcere, escare e cicatrici

Quando le lesioni non mostrano alcuna tendenza alla riparazione spontanea vengono definite croniche. Queste sono le ulcere diabetiche, le ulcere da stasi venosa e le piaghe da decubito.

 

Le principali cause delle lesioni cutanee sono:

  • Fisiche: meccaniche (provocate da traumi che vanno a danneggiare l’epidermide ed eventualmente il derma, come le escoriazioni e le abrasioni) o termiche (provocate da temperatura elevata, elettricità e radioattività, come le scottature e le ustioni di diversa entità)
  • Chimiche: provocate da veleni e sostanze tossiche che hanno un effetto sulla pelle simile alle scottature (ustioni chimiche). Sono sostanze caustiche gli acidi e le basi forti: l’acido cloridrico, l’acido fenico, l’acido nitrico, la soda, la calce e l’ammoniaca

 

Quando le ferite sono superficiali, interessano solo lo strato più esterno della pelle, l’epidermide, e vengono così classificate:

  • Abrasione: una lesione superficiale della pelle o della mucosa, causata da un trauma che colpisce di striscio la superficie del corpo, senza fuoriuscita di sangue
  • Escoriazione: una lesione superficiale della pelle con fuoriuscita di sangue
  • Ferita da punta: provocata da oggetti appuntiti
  • Ferita da taglio: provocata da oggetti taglienti, con bordi regolari
  • Ferita lacera: provocata da oggetti taglienti, con bordi irregolari, talora scollati
  • Ferita lacero-contusa: provocata da oggetti taglienti, con bordi irregolari e con sottostante contusione

 

In caso di ferite profonde, è meglio rivolgersi a un medico o al Pronto Soccorso. In caso di ferite superficiali, si interviene pulendo in modo accurato la lesione e la zona circostante, con acqua corrente fredda e del sapone. La ferita è associabile al rischio di infezioni. Per questo, è necessario togliere eventuali tracce di terra e polveri, indirizzando sulla lesione un getto violento di acqua oppure usando pinzette precedentemente sterilizzate. Non usare cotone idrofilo che potrebbe lasciare nella ferita piccoli fili o frammenti; meglio ricorrere a garze sterili.
Procedere poi disinfettando la zona interessata, utilizzando uno dei disinfettanti in commercio. Ce ne sono molti, da applicare direttamente sulla ferita, e possono essere a base di ioni d’argento, iodio, cloro oppure acqua ossigenata.


Se dopo qualche giorno la ferita non guarisce e si sente dolore o bruciore, è probabile che sia in corso un’infezione. In questi casi, è meglio rivolgersi al proprio medico.

Ecco alcune associazioni utili:



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X