AMETROPIE VISIVE

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

AMETROPIE VISIVE

25-10-2011 - scritto da siravoduilio

Cos'è l'ametropia visiva?

Il termine ametropia indica un'anomalia di rifrazione dell'occhio





Ametropia

In un occhio otticamente normale, ad accomodazione rilassata (in condizione cioè di rifrazione statica), i raggi paralleli, provenienti da un punto oggetto posto all'infinito, convergono sulla retina a formare un punto immagine, che in questo caso coincide con il fuoco immagine del sistema ottico oculare. Quando questa condizione ottica ideale è rispettata siamo in presenza di emmetropia (dal greco: εν, con, μετρον, misura, ωψ, occhio). La condizione opposta è detta appunto ametropia (dal greco: α, privativo, μετρον, misura, ωψ, occhio). Questi termini sono stati coniati da Donders nel suo trattato Sulle anomalie dell'accomodazione e della refrazione degli occhi.
Le ametropie possono essere di tre tipi fondamentali:

  • Ipermetropia (dal greco: υπερ, in eccesso, μετρον, misura, ωψ, occhio, dove la misura in eccesso è riferita alla lunghezza focale), è la condizione in cui il fuoco immagine si trova oltre il piano retinico.
  • Miopia (dal greco: μυω, chiuso ωψ, occhio, dall'abitudine dei miopi di fessurare le palpebre per vedere meglio), è la condizione in cui il fuoco immagine si trova davanti al piano retinico.
  • Astigmatismo (dal greco: α, privativo στιγμα, punto), è la condizione in cui non si ha la presenza di un singolo punto focale.
Da questo elenco è esclusa una condizione oculare affine, la presbiopia (dal greco: πρεσβνς, vecchio, e ωψ, occhio), che rappresenta invece un difetto di accomodazione.
Cause Le anomalie di rifrazione oculare possono essere causate da diverse condizioni:

Posizione anomala degli elementi del sistema ottico oculareDiametro antero-posteriore dell'occhio troppo corto in rapporto alla lunghezza focale del sistema ottico oculare (retina troppo vicina alla cornea): ipermetropia assiale.

  • Diametro antero-posteriore dell'occhio troppo lungo (retina troppo lontana dalla cornea): miopia assiale.
  • Posizione del cristallino: se il cristallino è troppo avanti, verso la cornea, si ha miopia, se è troppo indietro si ha ipermetropia.
Anomalie delle superfici diottriche La superficie anteriore della cornea o le due superfici del cristallino possono essere troppo curve: in questo caso si ha miopia da curvatura; o troppo piatte: si ha ipermetropia; oppure possono essere di diversa curvatura nei vari meridiani o irregolari: e si ha astigmatismo, regolare nel primo caso e irregolare nel secondo.

Obliquità degli elementi del sistema ottico oculare Asimmetria di curvatura della cornea. In questo caso, oltre ad altre aberrazioni di ordine superiore, si ha astigmatismo da incidenza obliqua.

  • Obliquità del cristallino. Se il cristallino è disposto in modo obliquo oppure è sublussato, ne risulta un astigmatismo da incidenza obliqua.
  • Posizione obliqua della fovea rispetto all'asse ottico oculare. Anche in questo caso, oltre ad altre aberrazioni extrassiali, si ha astigmatismo da incidenza obliqua.
Anomalie dell'indice di rifrazione Se l'indice di rifrazione dell'umor acqueo è troppo basso, o quello del vitreo è troppo alto, si ha ipermetropia da indice. Viceversa se l'indice di rifrazione dell'umor acqueo è troppo alto, o quello del vitreo è troppo basso, si ha miopia da indice.

  • Se l'indice di rifrazione di tutto il cristallino è troppo basso si ha ipermetropia da indice. Se l'indice della parte corticale aumenta in relazione a quello del nucleo, come normalmente succede con l'età, il potere diottrico totale del cristallino diminuisce e l'occhio diventa ipermetrope (la riduzione di potere diottrico è tuttavia solitamente ostacolata dal progressivo aumento di spessore del cristallino che normalmente si verifica con l'età). Viceversa, se aumenta l'indice di rifrazione del nucleo, come frequentemente avviene nelle cataratte incipienti, si instaura una miopia da indice. Se l'indice di rifrazione delle varie parti del cristallino varia irregolarmente nelle diverse zone, come avviene nella fase iniziale di molte cataratte, si ha un astigmatismo da indice.

  • L'assenza del cristallino è detta afachia (dal greco: α, privativo; φαχοζ, cristallino) che, a parte alcuni casi di occhi molto lunghi, produce un alto grado di ipermetropia.

RIFRAZIONE, VIZI DI RIFRAZIONE


Grafico della diminuzione dell'ampiezza accomodativa in relazione all'età.


La correzione avviene con lenti oftalmiche positive o meno negative nei casi dei miopi presbiti. Altre soluzioni compensative sono rappresentate dall'utilizzo di lenti a contatto, generalmente di tipo multifocale. La chirurgia refrattiva, in questo caso, non può essere d'aiuto poiché è il potere da lontano che viene a modificarsi in caso di intervento. Sono però in atto studi e prove di impianto di cristallini progressivi.
Una tecnica molto recente permette di correggere la presbiopia e l'ipermetropia con l'utilizzo di radiofrequenze che, scaldando la cornea, eliminano le parti lese.






Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
http://drsiravoduilio.beepworld.it



Articoli che potrebbero interessarti

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

28/09/2021. Il cuore rappresenta l’organo centrale del nostro apparato circolatorio. È posizionato all’interno della gabbia toracica, a sinistra, e assolve alla fondamentale funzione di inviare e ricevere il sangue tramite i vasi...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X