Cuore ingrossato: le cause e le cure possibili

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cuore ingrossato: le cause e le cure possibili

13-01-2021 - scritto da Paola Perria

Perché il cuore si ingrossa? Scopriamo che rischi comporta questa condizione

Un cuore ingrossato è un cuore in difficoltà, ecco come riconoscere i sintomi.

Non sempre un cuore ingrossato è sintomatico, e non sempre è motivo di preoccupazione per la salute, ma si tratta sicuramente di una condizione da monitorare attentamente. Ad esempio un tipico caso non patologico è il cosiddetto “cuore d’atleta”, che si registra nei casi in cui l’aumento di volume del muscolo cardiaco sia conseguenza di intensi e prolungati sforzi fisici reiterati nel tempo, come accade a chi pratichi un certo tipo di attività sportiva come il sollevamento pesi o il body building.

 

Il termine medico con cui si definisce la condizione patologica di ingrossamento cardiaco, invece, è cardiomiopatia dilatativa: questa colpisce tra i 5 e 7 individui adulti ogni 100mila in Italia, con una percentuale maggiore tra gli uomini, e purtroppo, nella maggior parte di casi,  comporta un peggioramento anche serio delle condizioni di salute.

 

Le cause dell'ingrossamento cardiaco 

Un cuore ingrossato è spesso un cuore in difficoltà, un cuore che si scompensa e riduce la sua capacità di pompare sangue in modo efficace. L’ipertrofia del cuore si verifica a causa di una dilazione delle camere ventricolari (che sono le due cavità inferiori dell’organo), in particolare di quella sinistra: tale condizione può essere congenita, quindi presentarsi fin dalla nascita e in questo caso si parla di cardiomiopatia familiare, o più frequentemente acquisita.

 

fattori di rischio sono davvero tanti, ecco una lista dei principali:

  • Infezioni al cuore provocate da agenti patogeni come batteri, funghi e virus
  • Malattie autoimmuni
  • Alcolismo
  • Abuso di farmaci o cure di tipo chemioterapico
  • Aver subito ischemie o infarti
  • Punture di alcuni insetti
  • Ipo o ipertermia (abbassamento o innalzamento eccessivi della temperatura del corpo)

 

I sintomi del cuore ingrossato

Inizialmente la dilatazione di una delle camere ventricolari non procura danni particolari, ma gradualmente si possono sviluppare di problemi che possono anche andare a compromettere la buona funzionalità del muscolo. Ecco i principali campanelli d’allarme da considerare:

  • Dispnea (respiro affannoso, fame d’aria)
  • Riduzione della forza muscolare, senso di debolezza
  • Astenia
  • Affaticamento
  • Formazione di edemi (gonfiori) soprattutto a carico delle zone periferiche del corpo, come ad esempio le caviglie

 

A lungo andare questa condizione diventa invalidante, e se l’ingrossamento va a colpire anche il ventricolo destro del cuore, allora la funzionalità cardiaca può venire compromessa in modo molto serio. In questi casi ai sintomi succitati si aggiungono:

  • Aritmie (alterazioni del ritmo cardiaco)
  • Dolori addominali e formazione di edemi interni (soprattutto a carico del fegato)
  • Dolori  al petto anche a riposo
  • Spossatezza e difficoltà a svolgere i compiti più semplici

 

Come curare un cuore ingrossato?

Considerando che la cardiomiopatia dilatativa è una condizione che non regredisce ma che, se non tenuta sotto controllo, può solo peggiorare, una volta giunti alla diagnosi (attraverso visita cardiologica ed esami come l’elettrocardiogramma e l’ecocardiogramma) è importante prendere subito opportuni provvedimenti. Le cure sono di tipo farmacologico, e in particolare i principi attivi utilizzati per migliorare la funzionalità cardiaca sono i seguenti:

  • Cardiocinetici: che aiutano la contrazione cardiaca
  • Diuretici: che riducono il volume di sangue da pompare
  • Ace-inibitori: che impediscono alla camera ventricolare di dilatarsi ulteriormente
  • Betabloccanti: che inibiscono la stimolazione eccessiva del muscolo cardiaco da parte del sistema nervoso simpatico
  • Antialdosteronici: riducono la fibrosi (indurimento dei tessuti cardiaci)

 

A questa terapia farmacologica, da modulare attentamente a seconda delle caratteristiche del paziente, si deve associare una modifica dello stile di vita che includa una dieta salutare e povera di sodio, dimagrimento in caso di sovrappeso e moderata attività fisica. Smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol sono altresì delle buone regole da seguire.

 

Non sempre, però, la cardiomiopatia dilatativa si può tenere a bada con farmaci e dieta, nei casi più gravi è necessario ricorrere ad altro tipo di cura, dall'inserimento di dispositivi intratoracici per la resincronizzazione cardiaca, fino al trapianto.

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X