Apnee notturne e coronarie

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Apnee notturne e coronarie

08-01-2012 - scritto da cesarearezzo

Apnee notturne e coronarie

Coronarie e apnee notturne


Numerosi studi trasversali hanno evidenziato una maggior prevalenza di OSAS in soggetti affetti da malattia coronarica (CAD, coronary artery disease) o con pregresso infarto del miocardio, rispetto alla popolazione generale ed un suo effetto negativo, in termini prognostici, sulla patologia cardiaca di base. Peker e coll. hanno valutato l’insorgenza di malattia coronarica in 308 soggetti (età compresa fra i 30 e 69 anni) russatori o con diagnosi di OSAS, senza patologia cardiaca basale, seguiti per un periodo di 7 anni. Durante il follow-up hanno riportato la comparsa di malattia coronarica 16.2% dei soggetti con diagnosi accertata di OSAS rispetto al 5.4% nei soli russatori, con una maggior mortalità legata all’evento coronarico negli OSAS. L’analisi multivariata ha mostrato che i parametri che correlano significativamente con lo sviluppo di CAD sono la diagnosi di OSAS al basale, la pressione arteriosa sistolica, l’età, il tempo dalla diagnosi di OSA e la minima saturazione notturna di ossigeno. Indipendentemente dal ricorso ad eventuali presidi terapeutici per la patologia respiratoria notturna durante il follow-up, i pazienti con OSAS avevano un rischio relativo di 4.6 di sviluppo di CAD. Il trattamento efficace del disturbo del sonno produceva una riduzione del rischio di coronaropatia dopo correzione per fattori confondenti. Hanly e coll. hanno osservato durante la notte alterazioni del tratto ST suggestivi di ischemia miocardia. La comparsa di depressioni dell’ST all’elettrocardiogramma era più frequente nei soggetti con OSAS più severa e correlava con il grado di desaturazione di ossigeno. Nei pazienti affetti da OSAS si osserva un’alterazione della normale variabilità circadiana di frequenza cardiaca e pressione arteriosa, più marcata durante il sonno mentre nell’individuo normale, questi parametri si riducono: la mancata riduzione del lavoro ardiaco di notte ed il maggior stress che perdura di giorno, espongono ulteriormente il paziente OSA al rischio di CAD. Sorajja D e coll. hanno riscontrato una associazione indipendente fra l’indice apnee-ipopnee ed il grado di calcificazione coronarica in soggetti senza segni clinici di coronaropatia.
Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




dott. Cesare Arezzo
www.cesarearezzo.it
www.malattierespiratorie.com
Specialista in Fisiopatologia Respiratoria
Dirigente Medico U.O. Fisiopatologia Respiratoria Ospedale San Paolo Bari
Diagnosi e Terapia dei Disturbi Respiratori Sonno-correlati

Profilo del medico - cesarearezzo

Nome:
Cesare Arezzo
Comune:
BARI
Telefono:
3409185522
Azienda:
ASL Ba Ospedale San Paolo Bari Fisiopatologia Respiratoria
Professione:
Medico Ospedaliero
Occupazione:
Dirigente Medico U.O. Fisiopatologia Respiratoria Ospedale San Paolo Bari
Specializzazione:
Disturbi Respiratori nel Sonno
Contatti/Profili social:
sito web facebook


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X