Dentista e paziente: un caso tipico di incomprensione

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Dentista e paziente: un caso tipico di incomprensione

27-09-2013 - scritto da Dott. Enzo Castellari

La comunicazione tra dentista e paziente è fondamentale e il piano di cura va spiegato nei dettagli prima dell’inizio di qualsiasi terapia

La salute orale è un bene importante ed è giusto che il paziente approvi le cure solo dopo averle perfettamente capite

Dentista e paziente: un caso tipico di incomprensione Prendo spunto dal caso di una paziente visitata oggi, per presentare una situazione più comune di quanto si pensi e che spesso scava un solco di incomprensione fra paziente e dentista.

La paziente, 29enne, giunge alla mia osservazione per, a suo dire, concludere un lavoro iniziato altrove. Premetto che ho l’abitudine di non dare giudizi negativi su lavori eseguiti da colleghi e, anzi, preferisco non seguire pazienti che esordiscono con critiche eccessive verso il precedente curante.

La paziente si presenta con un corredo di sintomi quali mal di schiena, mal di collo, mal di testa e altri dolori diffusi. L’igiene orale è ottima e non ci sono segni evidenti di infezioni o infiammazioni. Ha però ben 8 denti fra molari e premolari limati e pronti per essere “incapsulati” ma attualmente senza nemmeno le corone provvisorie.

Alla mia richiesta la paziente spiega che il collega le ha detto sommariamente che le avrebbe “rialzato i denti che erano troppo bassi” e quindi le ha devitalizzato diversi elementi dentari, coprendoli temporaneamente con corone in resina più alte rispetto alle dimensioni dei denti naturali.

Solo a questo punto la paziente sembra essersi resa conto che la cura era impegnativa e, richiesto un preventivo, è rimasta, a suo dire, scioccata dalla cifra richiesta. Di conseguenza ha sospeso la terapia, ha pagato le cure fino a quel punto ricevute ed ha atteso...

Nell’attesa, durata alcuni mesi, le corone provvisorie si sono fratturate tutte, i denti limati sono estrusi, l’altezza di masticazione si è ulteriormente abbassata e i sintomi dolorosi sono diventati insopportabili.

Ho utilizzato questo caso, senza entrare nel merito, per esemplificare come una carenza di comunicazione fra dentista e paziente ha provocato una situazione piuttosto grave ove la paziente ormai non potrà evitare di coprire i denti limati dopo una terapia multispecialistica ancora più complessa di quella che poteva essere in precedenza.

La richiesta di spiegazioni e il presentare il piano di cura, soprattutto se è di non facile comprensione, come quello sopra descritto, è un passaggio fondamentale che va eseguito assolutamente prima dell’inizio di qualsiasi terapia. Il paziente deve richiederlo e deve avere ben capito quello che il collega sta per fare e il collega deve ricevere una approvazione per iscritto, chiara e completa.

Quindi: un suggerimento per tutti i pazienti da un dentista che non vuole avere problemi… Chiedete spiegazioni accurate e scritte e, se non capite, chiedete nuovamente. La salute orale è un bene personale importante ed è giusto approvare le cure solo dopo averle perfettamente capite.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X