Astigmatismo

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Astigmatismo


L'astigmatismo è un difetto della vista dovuto a una curvatura irregolare della cornea e del cristallino, che determina un'errata messa a fuoco delle immagini, sia da vicino che da lontano. L'astigmatismo può essere associato a miopia, ipermetropia e presbiopia. La visione risulta alterata, offuscata e distorta sia a distanza ravvicinata sia da lontano soprattutto su oggetti in movimento. In assenza di trattamento l’individuo astigmatico presenta arrossamento, bruciore e senso di pesantezza agli occhi.

Esistono differenti tipi di classificazione dell'astigmatismo in base agli elementi anatomici coinvolti (astigmatismo corneale e astigmatismo interno), all’orientamento del meridiano corneale (astigmatismo diretto, indiretto e obliquo), alla posizione dei due fuochi rispetto alla retina (astigmatismo miopico, ipermetropico e misto) e al grado di diottrie (debole, medio e forte).

A seconda del tipo di astigmatismo i sintomi possono essere molto differenti: se di grado lieve può anche essere asintomatico e presentare sintomi derivanti dai continui tentativi di accomodazione come dolore ai bulbi oculari e all'arcata ciliare, cefalea, bruciore agli occhi e lacrimazione eccessiva.

L'astigmatismo può essere congenito e rimanere pressoché invalterato nel corso degli anni, oppure, in casi più rari, può svilupparsi in seguito ad un intervento di cataratta, ad un trapianto di cornea o ad un trauma oculare.

L'astigmatismo può essere corretto con l'uso di lenti oftalmiche cilindriche o toriche, oppure con lenti a contatto gas-permeabili o morbide. L'astigmatismo può essere corretto anche con un intervento di chirurgia refrattiva, ricorrendo al laser o alla Mini Cheratotomia Radiale Asimmetrica (M.A.R.K.), in grado di bloccare l'evoluzione dell'astigmatismo.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X