Herpes zoster

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Herpes zoster


L'Herpes zoster, comunemente chiamato fuoco di Sant'Antonio, è una malattia virale che colpisce la cute e le terminazioni nervose ed è causata dal virus varicella-zoster (VZV), un virus a doppia elica di DNA, della stessa famiglia dell'herpes simplex virus.

Quando si viene contagiati dall'Herpes Zoster si può contrarre la varicella se non si è immuni oppure il fuoco di Sant'Antonio se si ha già contratto la varicella e dunque si è immune al virus. L'Herpes zoster è un virus molto diffuso e colpisce soprattutto i soggetti anziani e gli immunodepressi.

L’Herpes zoster è caratterizzata da un’eruzione cutanea dolorosa con presenza di vescicole, solitamente limitata ad un lato del corpo, spesso in una striscia: colpisce soprattutto il torace e il viso in particolare lungo il nervo trigemino.
Il paziente percepisce un dolore acuto, come una sorta di bruciore intenso, a cui segue un'eruzione cutanea costituita da vescicole disposte a grappolo dal contenuto sieroso.

Nelle persone anziane le manifestazioni possono essere così violente, da determinare emorragia o ulcerazione con necrosi dei tessuti. Nei soggetti immunodepressi l'Herpes Zoster può coinvolgere gli organi interni come ad esempio i polmoni e il cervello.
Nei giovani e negli adulti sani, il decorso della malattia è benigno e relativamente breve mentre nei soggetti anziani o immunodepressi è più lungo, doloroso e foriero di complicazioni come polmonite, epatite, artrite, gastrite, enterocolite, cistite, meningite e alterazioni psichiche.

La terapia dell’Herpes zoster è tanto più efficace quanto prima viene iniziata e consiste nel somministrare antivirali come il famciclovir o il valaciclovir per via orale nei soggetti con normali difese immunitarie o l’aciclovir per endovena per gli immunodepressi.



Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X