ENDOBARRIER

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

ENDOBARRIER

06-05-2014 - scritto da Prof.ssa Virginia A. Cirolla

Endobarrier è un dispositivo che produce gli stessi effetti paragonabili all’intervento chirurgico di bypass intestinale, ma meno invasivo

Endobarrier è il risultato delle ricerche condotte da Medici e Bioingegneri impegnati in nuove tecnologie applicate alla Chirurgia

Il diabete è la quarta causa di morte nei paesi occidentali. La sua prevalenza nel mondo è in continua crescita e raddoppierà nel corso dei prossimi 20 anni. Nel 90 per cento dei casi, si tratta di diabete di tipo 2 causato appunto da obesità. Si calcola che in Italia la metà della popolazione maschile fra i 47 ed i 74 anni è in sovrappeso. Gli italiani obesi sono ben 4 milioni e 700mila, il 9 per cento in più rispetto a 5 anni fa.

Obesità e diabete sono la causa di danni a carico di organi vitali quali il cuore, i reni e il fegato così gravi da poter richiedere il trapianto di questi organi per salvare i pazienti. Questi i motivi che hanno portato i ricercatori a mettere a punto, oltre alle tecniche già conosciute di chirurgia dell’obesità (chirurgia bariatrica), trattamenti meno invasivi, praticabili per via endoscopica, come minima degenza pre e post-operatoria. Una procedura di questo tipo è Endobarrier, messa a punto negli Stati Uniti dalla GI Dynamics di Boston e già utilizzata con successo in vari Paesi europei ed extraeuropei. Ora disponibile anche nel nostro Paese.

Consiste in un dispositivo che produce gli stessi effetti paragonabili all’intervento chirurgico di bypass intestinale l’Endobarrier è utilizzato con successo nei migliori centri medici europei (Belgio, Svizzera, Spagna, Gran Bretagna) e USA. Come si intuisce dal nome, la tecnica consiste nell’introdurre un dispositivo endoscopico nel lume duodenale del paziente con l’obiettivo di ridurre l’assorbimento di cibo e modificare la produzione di insulina. L’Endobarrier è un tubo impermeabile e flessibile ancorato al bulbo duodenale con alcune ancorette metalliche. Questo “guscio protettivo” viene inserito attraverso la bocca del paziente tramite l’uso di un endoscopio e controllo radiologico intraoperatorio: il dispositivo, una volta inserito nel duodeno, crea una barriera tra cibo e la mucosa intestinale. Il device può restare in sede fino a 12 mesi, poi viene rimosso. I pazienti sottoposti a questo tipo di trattamento vengono costantemente seguiti con visite di controllo periodiche prestabilite da un’équipe multi-disciplinare formata da diabetologo, nutrizionista, chirurgo/endoscopista, psicologo clinico.

I vantaggi dell’utilizzo di questa tecnica, rispetto alle altre tecniche di chirurgia per l’obesità, sono molteplici. Si tratta, innanzitutto, di una procedura totalmente endoscopica. Il paziente sottoposto a questo tipo di trattamento può lasciare l’ospedale entro 48/72 ore. Inoltre, è una procedura reversibile: il dispositivo, una volta inserito, può essere sempre rimosso. Infine, è meno costosa rispetto alla chirurgia tradizionale contro l’obesità (minor risparmio di farmaci, ridotta degenza, no terapia intensiva, etc.).

I risultati dimostrano una perdita superiore al 40% dell’eccesso di peso, e soprattutto la remissione clinica del diabete di tipo 2 con un netto miglioramento delle condizioni cliniche dei pazienti sottoposti a questo tipo di trattamento (riduzione dell’emoglobina glicata nell’ordine di 8,7>6,5 %). L’Endobarrier si pone come una terapia innovativa per il diabete tipo 2 e apre anche una serie di opportunità di ricerca biomedica per la comprensione dei meccanismi alla base di questa patologia. Questo device si inserisce nell’ambito di un ampio ventaglio di procedure endoscopiche da noi già eseguite introducendo una metodica malassorbitiva endoscopica prima destinata al solo trattamento chirurgico maggiore. La comprensione dei meccanismi ormonali correlati alla metodica potrà condurre inoltre allo sviluppo di ulteriori metodiche endoscopiche ed eventuali trattamenti farmacologici correlati.

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




Prof.ssa Virginia A.Cirolla
MD,PhD in Experimental And Clinical Research Methodology in Oncology Department of Medical and Surgical Sciences and Translational Medicine "Sapienza" University of Rome
National President A.I.S.M.O. ONLUS
www.studiomedicocirolla.it
www.aismo.it

Profilo del medico - Prof.ssa Virginia A. Cirolla

Nome:
Virginia Angela Cirolla
Comune:
ROMA
Telefono:
0645477448 3396769115, 3930944388, 3335230409
Azienda:
A.I.S.M.O. ONLUS
Professione:
Ricercatore
Posizione:
PRESIDENTE NAZIONALE
Occupazione:
MEDICO CHIRURGO SENOLOGO/TITOLARE CENTRO DI FORMAZIONE ANFOS/DIRETTORE SANITARIO A.I.S.M.O. ONLUS
Specializzazione:
Oncologia Medica, Medicina alternativa, Chirurgia generale, Perf in Ecografia, Senologia, Master Format. ANFOS, Master Agopuntura, Dottorato Ricerca Oncologica
Contatti/Profili social:
email email sito web facebook twitter google plus linkedin


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X