Flatulenza: prevenirla senza divieti

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Flatulenza: prevenirla senza divieti

24-03-2010 - scritto da Viviana Vischi

A scatenare i gas intestinali sono alcuni alimenti o intolleranze. Il rimedio non e’ privarsi di quei cibi, ma introdurre gli enzimi necessari per digerirli al meglio!

Come prevenire la flatulenza in modo naturale, privo di controindicazioni, tutto da provare

Flatulenza: prevenirla senza divieti Imbarazzante: è questo l’aggettivo più adatto per descrivere quella miscela di gas che alcuni alimenti possono scatenare nella nostra pancia e che spesso sentiamo l’urgenza di espellere, con quel caratteristico suono e quell’odore sgradevole che tanto ci mettono a disagio, soprattutto quando ci troviamo in compagnia.
Premesso che i gas intestinali sono un normalissimo sottoprodotto della digestione, quindi un segno che il nostro organismo funziona correttamente, l’eccesso di aria nella pancia si può però ridurre drasticamente. Ecco quello che c’è da sapere.
Una parte dei gas intestinali è formata dall’aria ingerita attraverso il naso e la bocca. I consigli sono quindi quelli di:
- non mangiare troppe caramelle e chewing gum durante la giornata
- non bere bibite gassate
- non mangiare o bere troppo di fretta
Ma un’altra, fondamentale parte è invece dovuta alla digestione incompleta di certi alimenti e dalla conseguente, abnorme proliferazione della flora batterica. I cibi che provocano flatulenza sono solitamente fagioli, latte, cipolle, patate dolci, formaggi, castagne, broccoli, cavoli, carciofi, avena, lieviti ecc. Il problema riguarda un po’ tutti, ma soprattutto chi soffre di intolleranze alimentari e che, quindi, per un difetto enzimatico, non riesce a metabolizzare completamente proteine, lipidi o, più spesso, carboidrati complessi. In questi casi è bene:
- assumere alcune spezie utili per limitare la produzione di gas come cumino, anice, curcuma, e kombu (o kelp)
- assumere fermenti lattici per ristabilire l’equilibrio della flora intestinale
- assumere gli enzimi indispensabili per digerire anche gli alimenti a cui siamo intolleranti. E’ questo il vero punto di svolta! L’integrazione di enzimi digestivi (come l’alfa-galattosidasi, assente nel nostro organismo, e altre decine che potremmo avere in misura inferiore al necessario) può ridurre sensibilmente la quantità di flatulenze causate dalle componenti non digerite dei cibi!
Una corretta integrazione enzimatica consente un’alimentazione più libera e completa e migliora la qualità della vita delle persone che soffrono di intolleranze alimentari, promuovendo il corretto assorbimento dei principi nutritivi, limitando i fenomeni fermentativi e dunque prevenendo efficacemente la formazione di gas nell’intestino, il gonfiore e il disagio. Tutto questo in modo sicuro, naturale, non farmacologico. E senza dover necessariamente cambiare alimentazione e quindi privarsi di cibi che piacciono o che comunque sono utili all’organismo.

A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X