Infertilità: almeno la metà delle cause è nel maschio

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Infertilità: almeno la metà delle cause è nel maschio

20-11-2013 - scritto da Dr. Emilio Patelli

L'infertilità maschile è spesso causata da stili di vita scorretti e da patologie e condizioni cliniche che possono essere individuate e risolte per tempo

Infertilità maschile: cause e prevenzione

Infertilità: almeno la metà delle cause è nel maschio Il venir meno della visita di leva ha determinato la necessità di richiedere,
su base volontaria, una valutazione specialistica uro-andrologica alla pubertà o nel giovane adulto, finalizzata ad identificare possibili patologie o malformazioni genitali che, se misconosciute, possono determinare compromissione della capacità riproduttiva.

L’esperienza acquisita dagli ospedali militari ha infatti evidenziato come nel 30% dei giovani sono presenti patologie o condizioni cliniche che possono ridurre o compromettere la loro fertilità quali criptorchidismo o ritenzione testicolare, torsioni del funicolo spermatico o ipogonadismo, varicocele, infezioni genitali (prostatite, epididimite, orchite, uretrite), anomalie genitali come incurvamenti o patologie fibrotiche peniene e testicolari anche in esiti traumatici e fimosi.

Inquinanti ambientali, stili di vita (tabagismo, alcool, uso di droghe e anabolizzanti, promiscuità sessuale) e necessità sociali, che comportano un ritardo anagrafico nella ricerca di prole, sono tutti fattori che contribuiscono a rendere sempre più difficile la riproduzione umana spontanea nei paesi industrializzati.

La subfertilità è la condizione in assoluto più frequente nella nostra popolazione e sottintende la coesitenza di fattori sia maschili che femminili; l’infertilità di coppia rappresenta un importante problema medico-sociale coinvolgendo il 15-20% delle coppie in età fertile, con dispendio di risorse sia per la cura (ricorso a tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita, uso di farmaci ad alto costo) sia per la perdita di giornate lavorative e sono spesso concausa di stress e depressione.

Infine la migliore e più approfondita conoscenza delle malattie sessualmente trasmesse (MTS), alcune emergenti, altre in riattivazione a seguito dei flussi migratori, ne impone la loro prevenzione per ridurre l’impatto negativo anche sulla fertilità e sui costi socio-sanitari.

Negli ultimi anni si è potuto chiarire che almeno la metà delle cause di infertilità è da ricercare nel maschio e sono state identificate nuove cause, quali quelle genetiche, che hanno determinato importanti ripercussioni cliniche, diagnostico-terapeutiche, prognostiche e anche di ordine etico.

Dott. Emilio Patelli
Specialista in Urologia
Specialista in Patologia della Riproduzione Umana



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X