Le neoplasie maligne del naso e dei seni paranasali

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Le neoplasie maligne del naso e dei seni paranasali

27-12-2012 - scritto da Specialistaotorino

Neoplasie maligne del naso

Cosa sono, dove insorgono, come diagnosticare e trattare i tumori maligni del tratto nasosinusale

Le neoplasie maligne del naso e dei seni paranasali

 


Le neoplasie maligne del naso e dei seni paranasali costituiscono circa il 3% dei tumori maligni del tratto respiratorio superiore. Possono insorgere dalla mucosa del naso o delle cavità paranasali, anche se nei casi avanzati è spesso difficile individuarne con esattezza la sede di origine.

La vicinanza a strutture vitali come l'encefalo, i nervi ottici e la carotide interna pongono sfide importanti per il loro trattamento e possono essere la fonte di una significativa morbilità per i pazienti.

I tumori maligni del tratto nasosinusale derivano ​​dai diversi elementi istologici rappresentati nelle cavità nasali. I piu' comuni sono il carcinoma squamoso, l'adenocarcinoma, il carcinoma adenoidocistico e il melanoma per quanto riguarda la linea epiteliale. I tumori maligni ad origine non epiteliale piu' frequenti sono i sarcomi e i rabdomiosarcomi, da segnalare la possibilità di una localizzazione nasosinusale anche dei tumori linfoproliferativi.

I principali fattori di rischio dei tumori maligni nasosinusali includono: l’esposizione professionale ad agenti specifici, il fumo di tabacco e l’esposizione a radiazioni ionizzanti. Oramai consolidata è l’associazione tra queste neoplasie epiteliali, in particolare l’adenocarcinoma, e l'esposizione a polveri di legno e di cuoio ed al nichel. Recenti studi hanno evidenziato l'associazione fra infezioni da papillomavirus e carcinoma squamoso.

I sintomi di presentazione sono spesso aspecifici come l'ostruzione nasale, il sanguinamento nasale e la cefalea. Bisogna sicuramente rivolgersi ad uno specialista otorinolaringoiatra in caso di ostruzione nasale monolaterale persistente, episodi ricorrenti di epistassi monolaterale e algia facciale o disturbi visivi.

La strategia diagnostica è rappresentata dall'indagine endoscopica nasosinusale e dalla radiologia ( TC e RNM ). La terapia di queste forme tumorali cosi' eterogenee fra loro può variare in relazione all'istotipo,all'estensione della neoplasia ed invasione delle strutture vicine e alle comorbidità del paziente. La terapia chirurgica attraverso le resezioni cranio facciali o la chirurgia endoscopica, sempre associata alla radioterapia, può dare ottimi risultati nel controllo della malattia.

Per un maggiore approfondimento consultare: http://www.hopkinsmedicine.org/otolaryngology/education/thursday_lecture_series/sinonasal%20review.pdf

 

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica


Profilo del medico - Specialistaotorino

Nome:
Francesco Berni Canani
Comune:
Napoli
Telefono:
081680473
Azienda:
Ospedale di Pescara
Professione:
Medico Ospedaliero
Posizione:
Dirigente Medico
Specializzazione:
Otorinolaringoiatria
Contatti/Profili social:
sito web facebook


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X