Probiotici: la marcia in piu’ in inverno

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Probiotici: la marcia in piu’ in inverno

20-01-2011 - scritto da Viviana Vischi

Un sistema immunitario agguerrito grazie ai probiotici è la miglior arma per garantirsi una buona salute

Riordinare la flora batterica con i probiotici è il primo passo per contrastare gli attacchi dei virus influenzali e stimolare la produzione di anticorpi

Probiotici: la marcia in piu’ in inverno Se si vuole davvero stare bene la dieta può non bastare. Questo, purtroppo, capita sempre più spesso, perché si arriva a casa tardi e non si ha tempo di preparare una cena sana e completa, perché durante la pausa pranzo ci si ingozza di quel che capita, in tutta fretta, perché frutta e verdura costano molto: insomma, sono vari i motivi per cui la dieta quotidiana rischia di non essere equilibrata e dunque di non apportare tutte quelle preziose sostanze che consentono al nostro organismo di funzionare alla perfezione, prevenendo le malattie. In tutti questi casi, la parola d’ordine è integrare: soprattutto durante la stagione fredda, e in pieno allarme influenza.
Per tenere il più possibile alla larga i virus influenzali è utilissimo fare il pieno di fermenti lattici che rinforzano le difese organiche e di sostanze prebiotiche in grado di favorirne la crescita. Tutto questo al fine di mantenere l’efficienza della flora batterica intestinale: perché è proprio lì che ha origine oltre il 70% delle difese immunitarie! Proteggendone e rinforzandone la salute, mantenendo l’equilibrio delle differenti specie batteriche, si possono contrastare efficacemente gli attacchi degli agenti esterni (batteri, virus, tossine), stimolando la produzione di anticorpi.
Gonfiore addominale, dolori e diarrea sono i sintomi classici di una alterata funzionalità dell’intestino. Questo avviene, ad esempio, in caso di influenza. Ai primi segnali meglio correre ai ripari.
I fermenti lattici (o probiotici) sono microrganismi che riescono ad arrivare vivi e attivi nell’intestino in quantità enormi, inducendo il riequilibrio della flora batterica. Per un adulto il numero minimo ideale di cellule vive non deve essere inferiore a 10 miliardi al giorno, ma attenzione, queste non sono tutte uguali! Le più attive, e dunque benefiche, si chiamano Lactobacillus Acidophilus, Paracasei, Plantarum e Bifidobacterium Lactis. La loro azione è rinforzata dalle cosiddette sostanze prebiotiche, come l’inulina, che funge da “nutrimento” per i batteri probiotici, favorendo così l’attività positiva di questi microrganismi lungo tutto il tratto intestinale. Le migliori formulazioni di probiotici e prebiotici sono completate con complessi vitaminici che assicurano un’immediata disponibilità in situazioni di carenza.
L’azione sinergica di vitamine, inulina e fermenti lattici probiotici migliora le difese naturali e dunque previene l’influenza, ma non solo: evita che le infezioni e le intossicazioni intestinali prendano il sopravvento, normalizza il transito delle feci, contribuendo ad una migliore funzionalità dell’apparato digerente, contrasta alitosi, diarrea, stipsi, meteorismo e dolori addominali; inoltre, disintossica fegato, reni, pelle. Vi sembra poco?

A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X