Tiroide: visite gratuite per tutti

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Tiroide: visite gratuite per tutti

17-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Dal 19 al 23 febbraio la prima “Settimana nazionale di informazione sulla chirurgia della tiroide”: esami ed ecografie in trenta ospedali pubblici italiani

Iniziativa di sensibilizzazione sulla salute della tiroide

12/02/2007 - Volete conoscere lo stato di salute della vostra tiroide, la ghiandola alla base del collo sede di tante funzioni che regolano l’organismo? Dal 19 al 23 febbraio prossimi telefonate al numero verde 800.134.365 e potrete rivolgervi gratuitamente a uno dei trenta centri specialistici nazionali che aderiscono alla prima “Settimana nazionale di informazione sulla chirurgia della tiroide”. Si tratta di un’iniziativa importante, promossa da ESES, European Society of Endocrine Surgeons, con il Patrocinio dell’Associazione Italiana della Tiroide, della SIMG, Società Italiana di Medicina Generale, della SICE, Società Italiana di Chirurgia Endoscopica e di Cittadinanzattiva – Tribunale per i Diritti del Malato.

Insieme alla visita sarà eseguita un’ecografia della tiroide ma, al di là del numero degli interventi gratuiti che si riusciranno a realizzare, l’obiettivo della Settimana è sensibilizzare l’opinione pubblica a sottoporsi, anche in futuro, a esami specialistici.

I numeri delle patologie legate alla tiroide non vanno trascurati: attualmente, soffrono di alterazioni della ghiandola tiroidea circa 7 milioni di italiani e oltre il 10% sono giovani donne, sotto i 40 anni. Maggiormente colpita è la popolazione femminile in età fertile, tra i 25 e i 50 anni. 9 mila sono i casi di tumore, 10 mila gli interventi chirurgici eseguiti ogni anno, di cui 3 mila all’ospedale di Pisa, un centro di riferimento internazionale.
E’ evidente che controlli periodici significano diagnosi precoce ed eventualmente interventi mini-invasivi, quelli cioè che si effettuano con un’incisione minima e, quindi, con il vantaggio estetico importante di una cicatrice ridotta. Le operazioni vengono eseguite con un nuovo bisturi a ultrasuoni, progettato per operare in spazi ridotti e delicatissimi come, appunto, il collo. L’utilizzo di questo bisturi contribuisce a evitare i rischi di danneggiare le corde vocali e, quindi, a mantenere inalterato il timbro di voce; inoltre permette di ridurre la durata dell’intervento, della degenza e di convalescenza. I medici sono riusciti a ridurre del 25-30% i tempi delle operazioni e a minimizzare le possibili complicanze dopo l’intervento, ormai inferiori al 3%. Infine, il paziente può contare su una guarigione più rapida grazie a una migliore cicatrizzazione.
Categorie correlate:

La tiroide e le sue patologie




A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X