L'allergia alimentare

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

L'allergia alimentare

03-12-2013 - scritto da Prof. Domenico Schiavino

L'allergia alimentare
L’allergia alimentare fa parte del grande capitolo delle reazioni avverse agli alimenti, cioè delle reazioni improvvise ed indesiderate che conseguono all’ingestione di un alimento.

Quando è possibile evidenziare un coinvolgimento del sistema immunitario si parla di allergia alimentare; altrimenti viene utilizzato il termine di intolleranza alimentare.
 
Gli anticorpi coinvolti nell’allergia alimentare si chiamano IgE (o reagine).
 
Alimenti più frequentemente coinvolti
 
Qualsiasi alimento può essere responsabile di allergia alimentare; nei bambini gli alimenti maggiormente responsabili sono il latte, l’uovo e il pesce mentre negli adulti prevalgono gli alimenti appartenenti al gruppo noci e semi (noci, nocciole, arachidi ecc.) oppure frumento, frutta, ecc.

Sintomatologia

Generalmente i sintomi compaiono entro pochi minuti dall’ingestione dell’alimento. Possono essere coinvolti:
  • la cute: orticaria, angioedema, eritema, prurito

  • l’apparato respiratorio: asma, rinite

  • l’apparato gastroenterico: nausea, vomito, diarrea

Particolarmente gravi sono lo shock anafilattico e l’edema della glottide, che in alcuni casi (per fortuna rari) possono portare a morte il paziente.
 
Diagnosi

La diagnosi di allergia alimentare si fa seguendo questo iter diagnostico:
  • accurata raccolta della storia clinica

  • esecuzione dei test cutanei (prick test) prima con estratti allergenici alimentari del commercio e poi con alimenti freschi (metodo prick by prick)

  • dosaggio delle IgE specifiche (RAST)

  • test di attivazione dei basofili (BAT)

  • dieta di eliminazione

  • test di provocazione orale

Quest’ultimo è il test di elezione per fare una corretta diagnosi in quanto la positività dei test cutanei e/o del RAST la si può rilevare anche in pazienti che tollerano normalmente un alimento.
I test di provocazione orale devono essere sempre eseguiti in centri specializzati e sotto stretto controllo medico per la possibilità di reazioni anche gravi.

Terapia
 
L’eliminazione dalla dieta dell’alimento verso cui il paziente è allergico rappresenta il primo provvedimento per prevenire l’insorgenza di ulteriori reazioni.
Tuttavia tale strategia non è sempre praticabile in quanto l’alimento può essere un componente essenziale della dieta (es. latte o uova) oppure perché lo si può trovare in piccole quantità, peraltro spesso non segnalate in altri cibi.
La terapia farmacologica si basa sull’uso (oltre che del sodio cromoglicato) degli antistaminici, dei cortisonici e nelle reazioni più gravi, dell’adrenalina.
Presso il nostro Servizio l’allergia alimentare viene trattata da molti anni con la desensibilizzazione specifica per via orale. Questo è l’unico trattamento che permette di guarire l’allergia alimentare e si effettua somministrando al paziente dosi progressivamente crescenti dell’alimento cui è allergico fino al raggiungimento di una dose normale giornaliera. Tale trattamento va effettuato sotto il controllo di personale esperto, in grado di gestire eventuali reazioni avverse.
Categorie correlate:

Allergia e salute




Profilo del medico - Prof. Domenico Schiavino

Nome:
DOMENICO SCHIAVINO
Comune:
ROMA
Contatti/Profili social:


Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X