Celiachia e glutine: una pillola in arrivo dal Canada

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Celiachia e glutine: una pillola in arrivo dal Canada

01-09-2015 - scritto da Patrizia Frattini

Celiaci liberi di mangiare glutine? Sì, grazie a una pillola che consentirà loro una normale alimentazione.

Protetti per due ore dal glutine grazie a una pillola.

Celiachia e glutine: una pillola in arrivo dal Canada

Non è un farmaco né una terapia, ma una pillola potrebbe consentire ai celiaci un paio d’ore di libertà a tavola. Il professor Hoon Sunwoo (nella foto) dell’Università di Alberta, in Canada, ha infatti messo a punto un prodotto che consente ai celiaci di assumere cibi contenenti glutine, impedendone l’assorbimento a livello dell’intestino tenue, cioè proprio là dove avviene la reazione autoimmune che alla base della celiachia.

La pillola è stata sviluppata a partire dal tuorlo d’uovo e agisce impedendo l’assorbimento della gliadina, una componente del glutine che è alla base della reazione avversa del sistema immunitario nei celiaci.

“Spero che questo prodotto possa migliorare la qualità della vita dei celiaci e di chi è intollerante al glutine”, ha detto il professor Sunwoo.

La pillola ha superato la prima fase di test clinici in Canada dimostrandosi sicura e sta ora affrontando la seconda fase di test, che mira a verificarne l’efficacia. Se tutto sarà confermato il prodotto potrebbe essere disponibile entro tre anni nelle farmacie Canadesi e, a seguire, in quelle Americane ed Europee.

 

Foto: uofa.ualberta.ca



A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X