Cellulite: la lunga battaglia invernale

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cellulite: la lunga battaglia invernale

09-12-2011 - scritto da Viviana Vischi

Attività fisica regolare, alimentazione adeguata e trattamenti specifici giorno e notte: ecco a cosa dedicarci nei mesi freddi per combattere la cellulite

Inverno, tempo di agire contro gli inestetismi della cellulite

Cellulite: la lunga battaglia invernale Se anche quest’anno le vacanze hanno messo a nudo i nostri inestetismi, basta piangerci addosso: piuttosto, diamoci una regolata! Abbiamo a disposizione tutto l’inverno per combattere la nostra battaglia contro la cellulite, consapevoli che solo con molta costanza potremo ottenere risultati apprezzabili.
La cellulite è un’avversaria tosta, ma va affrontata in fretta per evitare che, con il tempo, peggiori. Come? Diffidiamo delle strabilianti novità in grado di cancellarne i segni una volta per tutte: purtroppo, ad oggi, non si può sconfiggere completamente. Tuttavia, si può fare in modo di attenuarne gli inestetismi in modo visibile e duraturo.
Il primo segreto è cambiare lo stile di vita. Oltre che da una predisposizione familiare e dagli ormoni femminili che favoriscono il deposito di grasso, la cellulite è infatti causata da abitudini alimentari scorrette e da scarsa attività fisica. Bandite, dunque, la vita sedentaria e la dieta squilibrata che determinano accumulo di liquidi e scarso drenaggio delle tossine.
A tavola, tutto ciò che è verde e bianco è ideale per sgonfiare e accelerare il ripulisti dalle scorie che peggiorano la condizione di cosce, fianchi e glutei. Carciofi, lattuga, asparagi, zucchine, broccoli, verza, piselli, prezzemolo, basilico e kiwi sono tutti alimenti ricchi di clorofilla dalla potente azione depurativa. E poi ci sono mela, pera, aglio, cipolla, cavolfiore, finocchio e sedano che aiutano a sgonfiare.
Via libera all’acqua minerale, meglio se oligominerale perché povera di sodio. Diamo invece un taglio netto al sale, che possiamo sostituire con spezie e aromi. Da evitare anche i cibi che ne sono ricchi come dadi, insaccati, formaggi stagionati, cibi in scatola, patatine e noccioline. Infine, no a dolci, cioccolato, bibite e alcolici.
Quanto all’attività fisica, mezz’ora di camminata tutti i giorni attiva la pompa venosa situata sotto il piede: approfittiamo delle belle giornate per fare sport all’aperto! I polmoni riceveranno ossigeno e il sangue circolerà con più vigore anche nei vasi periferici, riducendo i gonfiori e i ristagni.
Da non sottovalutare, infine, i trattamenti specifici che agiscono dall’interno e dall’esterno per favorire il drenaggio dei liquidi, migliorare la microcircolazione e fornire ossigeno ai tessuti. Il tutto privilegiando la sicurezza e l’efficacia dei principi attivi vegetali. Drenare, depurare e dissolvere i grassi: sono i tre diversi piani su cui lavorare per contrastare gli inestetismi della cellulite e ripristinare le normali funzioni metaboliche del corpo. E’ bene che il trattamento abbia un’azione specifica per il giorno e un’altra, fondamentale, per la notte: durante le ore di sonno, infatti, la permeabilità della pelle aumenta favorendo l’azione dei principi attivi.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X