Dermatite da contatto: tra i responsabili anche i prodotti cosmetici

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Dermatite da contatto: tra i responsabili anche i prodotti cosmetici

27-01-2015 - scritto da Laura C.

Spesso i cosmetici causano reazioni indesiderate a livello della cute. Scopriamo quali sono i prodotti e gli ingredienti che possono causare reazioni avverse.

Le reazioni più comuni che si verificano in seguito all'utilizzo dei cosmetici sono le dermatiti da contatto.

Dermatite da contatto: tra i responsabili anche i prodotti cosmetici

Si può dire che le donne ne sono “dipendenti” e che il loro utilizzo è ormai entrato a far parte in modo importante nello stile di vita di tutti: uomini, donne, anziani e bambini. I cosmetici sono prodotti di largo consumo, utilizzati in tutte le fasce di età.

Si tratta di preparazioni destinate all’applicazione sulla superficie corporea allo scopo di detergere, migliorare l’aspetto e l’odore e dare protezione. Non hanno finalità terapeutiche ma questo non significa che sono privi di effetti indesiderati, spesso infatti sono la causa di molti problemi dermatologici: il 23% delle donne e il 13,8% degli uomini hanno riferito una reazione avversa a prodotti cosmetici o per igiene personale in un anno. Questi dati molto probabilmente sono sottostimati dal momento che la diagnosi non è semplice e richiede l’intervento di un esperto, raramente si sospetta del cosmetico come responsabile della reazione e in molti casi non viene segnalata.

I prodotti cosmetici responsabili della maggior parte delle reazioni avverse sono i detergenti, gli idratanti, i prodotti solari e le tinture per capelli e le sostanze maggiormente coinvolte nelle allergie da cosmetici sono i profumi, i conservanti, la parafenilendiamina (PPD), gli alcoli della lanolina, il gliceril-tioglicolato ed il nickel.

Le reazioni più comuni che si verificano in seguito all’utilizzo dei cosmetici sono le dermatiti da contatto che si distinguono in allergiche (DAC) e irritative (DIC), queste ultime più frequenti: da studi statistici emerge che l’80% delle dermatiti da contatto è di tipo irritativo mentre il restante 20% è di natura allergica. Le dermatiti irritative sono il risultato di un’azione tossica diretta delle sostanze sensibilizzanti e possono manifestarsi al primo contatto con l’agente scatenante. Nel caso delle dermatiti allergiche, in seguito ad una successiva esposizione alla sostanza sensibilizzante, questa viene riconosciuta in modo “specifico” dal nostro sistema immunitario che scatena una reazione infiammatoria.

Altre patologie, meno frequenti, legate all’uso dei cosmetici comprendono orticaria e fotodermatiti.

I sintomi tipici delle dermatiti da contatto, nella fase acuta sono il prurito, l’eritema e la presenza di piccole vescicole che tendono a desquamare. In seguito a cronicizzazione, la pelle appare secca, lichenificata e con ragadi.

E’ importante quindi utilizzare i cosmetici con cautela, leggere attentamente le informazioni riportate in etichetta (ingredienti, avvertenze e modo d’uso) e segnalare al proprio medico o farmacista eventuali reazioni indesiderate.

Inoltre prima di utilizzare un qualsiasi prodotto cosmetico è molto utile praticare un patch test, ciò può essere fatto apponendo una piccola quantità del nuovo prodotto su una zona di pelle del polso e lasciarla lì per un paio di giorni. La comparsa di rossore sconsiglia l'utilizzo del prodotto testato.



A cura di Laura C., Dottoressa in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, redattrice medico-scientifica dal 2013.
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X