Estetica e menopausa

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Estetica e menopausa

20-07-2011 - scritto da dott_claudio

Estetica e menopausa

L'invecchiamento della pelle con il sopraggiungere della menopausa

La pelle è l’organo corporeo più esteso, il che le conferisce un ruolo insostituibile per l’estetica della donna. I cambiamenti che la pelle subisce dopo la menopausa possono modificare anche profondamente l’immagine che la donna ha di sé, con importanti riflessi negativi sulla sua qualità di vita.
La pelle è costituita da tre strati: l’epidermide, il derma e l’ipoderma.




L’epidermide (1), lo strato più esterno, è un epitelio pavimentoso stratificato, corneificato, in continuo rinnovamento.
L’epidermide (1), lo strato più esterno, è un epitelio pavimentoso stratificato, corneificato, in continuo rinnovamento.
Il derma (2), lo strato sottostante, è un’impalcatura connettivale, di cui il collagene è il principale elemento mentre il rimanente è costituito da glicosaminoglicani e da elastina.
L’ipoderma (3), o sottocutaneo, è uno strato di tessuto adiposo.

Gli annessi cutanei sono rappresentati dal pelo (4), dalle ghiandole sebacee (5), dalle ghiandole sudoripare (6) e dalle unghie.
L’invecchiamento della pelle è il risultato di diversi fattori, tra cui i più importanti sono senz’altro l’età, l’esposizione al sole e la mancanza di estrogeni.
Con il sopraggiungere della menopausa, la cute si modifica in tutti i suoi strati. In particolare, la maggior parte delle alterazioni avviene a livello del derma, che perde gran quantità del suo principale elemento costitutivo: il collagene, una proteina che conferisce spessore ed elasticità alla pelle. Questo comincia a ridursi già dopo i 40 anni, ma è proprio con la menopausa che la perdita si fa più significativa. In media una donna in menopausa ne perde il 2,1% l’anno, ma, di fatto, la riduzione è molto più rapida durante i primi anni della post-menopausa rispetto a quelli successivi: si calcola che nei primi cinque anni il contenuto di collagene del derma cali di circa il 30%.
La conseguenza più evidente di ciò è una pelle sottile e secca, che perde tono ed elasticità: le rughe del viso si accentuano, mentre tendono a lasciarsi andare soprattutto i tessuti delle palpebre, delle guance, del sottomento e del seno. Per questo, le donne in menopausa spesso lamentano una fastidiosa sensazione di prurito, una minore resistenza al freddo e, al contrario, una maggiore sensibilità all’azione lesiva del sole (l’esposizione ai raggi solari, infatti, conferisce alla pelle una tipica colorazione giallastra).
Il sopraggiungere della menopausa influisce negativamente anche sui cosiddetti annessi cutanei, diminuendo l’attività di ghiandole, peli, capelli e unghie. La riduzione della secrezioni delle ghiandole sudoripara e sebacea fa perdere, infatti, il caratteristico profumo femminile, con potenziali conseguenze negative sulla vita psicologica e sessuale della donna. I peli ascellari e pubici si diradano e in qualche caso cambiano colore. I capelli tendono a diventare più secchi e più fragili, sia per la carenza d'estrogeni, sia per la carenza di vitamine A, B, C, D ed E. In questa fase della vita inoltre, i pochi ormoni maschili (androgeni) prodotti anche dalle donne assumono un aumento relativo, non essendo più bilanciati da adeguate quantità di ormoni femminili, gli estrogeni appunto; per questo qualche donna vede comparire una certa peluria sul mento, sul labbro superiore, sulle areole mammarie, mentre in altre si verifica una progressiva caduta di capelli. Anche le unghie rallentano considerevolmente la propria velocità di ricrescita e diventano più fragili.
Il seno può gradualmente diventare più piccolo e perdere tonicità. Altre volte invece, per effetto dell’aumento relativo degli ormoni maschili, tende a ingrossarsi e a essere teso e turgido.
Studi recenti hanno rivelato la presenza nella pelle di recettori per gli estrogeni. Tale scoperta ha consentito di mettere in relazione le modificazioni della pelle in menopausa con la carenza di estrogeni. In particolare, diversi studi hanno evidenziato che il trattamento con tali ormoni è in grado di incrementare il collagene nella cute fino a ristabilirne un livello ottimale. Al momento non è dimostrato alcun effetto positivo sulle fibre elastiche, mentre sembra in grado di produrre risultati benefici sugli annessi cutanei. Per questo oggi possiamo affermare che un trattamento ormonale sostitutivo, soprattutto se iniziato precocemente, può risultare utile anche come sostegno ai problemi estetici connessi a questa fase della vita, con risultati che si ripercuotono favorevolmente sulla sfera psicologica e sessuale.
E’ pur vero, tuttavia, che all’origine dell’invecchiamento della pelle non c’è solo la mancanza di estrogeni. Abbiamo già detto che altri due fattori determinanti risultano essere l’età e l’esposizione al sole.

In quest’ultimo caso, in estate è fondamentale proteggere la cute da un’esposizione prolungata nelle ore centrali del giorno (dalle ore 11.00 alle ore 15.00), scegliendo sempre filtri solari con fattore protettivo 15. Al mare sarebbe bene preferire filtri water resistent (cioè che dopo il bagno sono ancora validi al 40%) o waterproof (validi al 60% dopo il contatto con l’acqua).

Esiste inoltre una serie di possibilità in grado di contrastare l’invecchiamento cutaneo, soprattutto del viso. Tra i trattamenti più diffusi ricordiamo:
- gli antiossidanti, come la vitamina E (che migliora anche la microcircolazione e l’idratazione cutanea) e la vitamina C (che funziona anche da filtro per prevenire i danni da esposizione ai raggi ultravioletti);
- i retinoidi, analoghi della vitamina A, che migliorano la lassità, la rugosità e la colorazione della pelle;
- gli alfa-idrossiacidi, che attivano l’esfoliazione delle cellule superficiali della cute, consentendo il rinnovamento dell’epidermide, e stimolano la produzione di collagene e di elastina. L’acido glicolico fa parte della famiglia degli alfa-idrossiacidi ed esercita un efficace peeling chimico superficiale.

In particolare, come rimedio contro le rughe del viso si sono diffusi trattamenti a base di infiltrazioni locali di collagene, di acido ialuronico, o di derivati della tossina botulinica (Botox). Tali trattamenti si effettuano in ambulatorio, di solito senza anestesia e durano dai 15 ai 20 minuti.
Di recente per neutralizzare le conseguenze della mancanza d'estrogeni sulla pelle sono state preparate delle creme a base di fitoestrogeni, sostanze vegetali che agiscono in maniera simile agli estrogeni: stimolano il rinnovamento cellulare sia a livello dell’epidermide sia a livello del derma, favoriscono la formazione di collagene ed esercitano un’azione antiradicali liberi. Pertanto riescono a migliorare sensibilmente lo spessore della pelle, attenuando la profondità delle rughe cutanee.
Nel periodo postmenopausale, infine, per migliorare la percezione del proprio aspetto estetico risulta sicuramente molto utile adottare un adeguato stile di vita, per il quale suggeriamo alcune indicazioni di massima:
- accettare le piccole rughe e i segni d’espressione: sottolineano la personalità e sono il segno di una vita vissuta intensamente;
- consumare alimenti ricchi in vitamine e sali minerali, utili per la salute di pelle, capelli e unghie;
- bere molta acqua nel corso della giornata; infatti, mantiene i tessuti ben idratati;
- mantenere la pelle pulita e idratata, evitando però i detergenti troppo energici e usando creme appropriate. L’uso corretto di detergenti cutanei può avere notevoli effetti sulla cute. I normali saponi in barra hanno un alto potere schiumogeno e un pH alcalino. Tuttavia, oltre a rimuovere sporco, secrezioni e cellule morte, asportano anche il film idrolipidico della pelle, provocando una conseguente secchezza cutanea. I detergenti sintetici, invece, hanno un basso potere schiumogeno, un pH acido (simile a quello della pelle) e sono ricchi di sostanze idratanti. Per questo le donne che lamentano una pelle troppo secca li dovranno preferire ai normali saponi. Sono comunque sempre preferibili detergenti privi di profumazione, da applicare come un velo sottile e da massaggiare a lungo. Le creme idratanti contengono quasi sempre glicerina e urea e impediscono alla pelle di perdere il proprio naturale contenuto di acqua. Vanno applicate soprattutto nelle zone esposte alla luce (come viso e decolleté), senza trascurare di applicarle anche sul corpo dopo frequenti lavaggi.

Anche gli organi di senso presentano delle modificazioni dopo la menopausa, a volte incidendo negativamente sulla vita di relazione e sulla qualità di vita.
In generale, dopo la menopausa, si assiste a aumento dei disturbi oculari, come sensazione di secchezza e bruciore, e a un peggioramento della funzionalità visiva. A volte possono subentrare infiammazioni della parte interna delle palpebre (congiuntiviti), fastidi alla luce (fotofobie) e piccole, abrasioni della cornea (cheratiti). Un trattamento con collirio all’estriolo, un estrogeno debole, migliora la secrezione lacrimale della mucosa oculare, ridando brillantezza e luminosità agli occhi.
Molte donne dopo la menopausa manifestano dei fastidi orali, come bocca secca, sensazione di bruciore e alterazioni del gusto. Anche su questi disturbi appare molto probabile un effetto benefico del trattamento con estrogeni.
La voce appare molto sensibile alle modificazioni ormonali, tanto che si suppone un’azione modulante da parte degli ormoni sessuali sulla laringe. Le modificazioni più evidenti cui la voce va incontro dopo la menopausa sono di natura sia morfologica sia funzionale. Le corde vocali si riducono di spessore, si assiste a una brusca caduta della frequenza fondamentale (=livello del suono emesso) e il timbro della voce diviene tendenzialmente maschile. Alcuni studi clinici dimostrano che il trattamento ormonale sostitutivo agisce favorevolmente sul trofismo laringeo e modifica i parametri funzionali in senso femminile.


Dr. Claudio Paganotti
Medico-Chirurgo, Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Istituto Clinico "Città di Brescia" - Via Gualla 15, Brescia
http://www.paganotti.it/

Profilo del medico - dott_claudio

Nome:
CLAUDIO PAGANOTTI
Comune:
BRESCIA
Professione:
Medico in casa di cura privata
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X