Quali sono gli allergeni più comuni?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Quali sono gli allergeni più comuni?

04-12-2015 - scritto da Laura C.

Le reazioni allergiche insorgono dopo il contatto con sostanze solitamente innocue ma che nei soggetti ipersensibili causano diversi sintomi. Queste sostanze vengono definite allergeni.

Pollini, acari e non solo: ecco gli allergeni più diffusi.

Gli allergeni sono sostanze solitamente innocue ma in alcuni soggetti sono in grado di scatenare manifestazioni allergiche di varia natura e intensità. Un soggetto ipersensibile può entrare in contatto con gli allergeni in vario modo: tramite inalazione, ingestione, iniezione o assorbimento cutaneo. Tra quelli che provocano disturbi a carico dell'apparato respiratorio, troviamo il polline, uno degli allergeni più comuni. Questa finissima polvere, viene trasportata nell'aria passando dalla parte maschile a quella femminile dell'apparato riproduttivo delle piante.

Per poter prevenire e alleviare i sintomi scatenati da questa allergia, è importante conoscere nello specifico quali sono le piante che producono il polline al quale si è ipersensibili.

Oltre al polline tra gli allergeni più conosciuti, vi è la polvere che veicola i residui degli acari. Questi sono i veri allergeni, essi infatti sono realmente responsabili delle manifestazioni allergiche. Gli acari sono minuscoli ragnetti impercettibili ad occhio nudo che amano rintanarsi in posti caldi e privi di luce, trovano quindi un habitat ideale all'interno dei cuscini e dei materassi. 

Anche gli alimenti non sono privi di allergeni. Gli alimenti principalmente responsabili delle allergie comprendono: crostacei, grano, uova, nocciole, noci e latte. Tutti gli alimenti devono contenere per legge, nelle etichette, precise indicazioni relativamente alla loro presenza, scritte in modo semplice e leggibile.

Sono molto diffusi anche gli allergeni provenienti dal mondo animale. Manifestazioni allergiche insorgono in seguito a punture di insetto come vespe, formiche rosse, calabroni e api e le conseguenze possono andare da un banale arrossamento e gonfiore allo shock anafilattico.

Gli allergeni provengono inoltre anche dagli animali domestici come il cane e il gatto. Si tratta di proteine presenti sulla pelle dell'animale, nella sua saliva e nelle urine.

Reazioni molto severe, possono scatenarsi anche dopo l'assunzione dei medicinali. Molti soggetti infatti presentano ipersensibilità ad alcuni principi attivi o agli eccipienti contenuti in alcuni medicinali.

Categorie correlate:

Allergia e salute




A cura di Laura C., Dottoressa in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, redattrice medico-scientifica dal 2013.
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X