ForumSalute

I vaccini fanno male davvero?

I vaccini fanno male davvero?

03-01-2017 - scritto da Vanessa Pittiglio

Da più di un secolo, i vaccini vengono utilizzati contro specifiche malattie infettive, salvando milioni di vite. Eppure negli ultimi anni sono stati spesso demonizzati.

I vaccini sono sicuri o pericolosi? Facciamo chiarezza.

 

Sempre più frequentemente si assiste ad un aumento di malattie infettive che sembravano scomparse da tempo. Il morbillo, per esempio, è tornato alla ribalta dopo un periodo in cui sembrava quasi scomparso.

Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, su oltre 2.000 casi segnalati di morbillo, l’86% riguardano bambini non vaccinati, evidenziando una forte avversione dei genitori a vaccinare i propri figli.

 

PAURA DEL VACCINO: PERCHE'?

Le paure che accompagnano la vaccinazione contro il morbillo risalgono alla fine degli anni ‘90 in cui venne pubblicato un articolo dell’allora medico Andrew Wakefield (poi radiato dall’Ordine dei medici) e collaboratori, secondo cui esisteva una correlazione tra la somministrazione del vaccino trivalente morbillo-parotite-rosolia (MPR) e lo sviluppo di autismo e di alcune malattie infiammatorie croniche intestinali.

La campagna portata avanti dai movimenti antivaccinali ha purtroppo scatenato un allarmismo circa i suoi presunti effetti dannosi. Sebbene negli anni successivi numerosi studi epidemiologici abbiano smentito qualsiasi correlazione, si è assistito ad un calo delle vaccinazioni con una conseguente diminuzione dell’immunità di gruppo.

L’American Academy of Pediatrics, inoltre, ha raccolto una serie di importanti studi scientifici internazionali sulla sicurezza dei vaccini, in cui si dimostra che, oltre la mancanza di correlazione, anche le probabilità di sviluppare una forma di autismo non sono correlate ad una somministrazione maggiore degli antigeni presenti nel vaccino.

 

Ad oggi possiamo affermare con certezza che il vaccino è stato lo strumento medico che ha salvato il maggior numero di vite umane al punto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità calcola che sono circa 2-3 milioni le vite di bambini che vengono salvate ogni anno grazie alla vaccinazione.

 

VACCINARSI E' IMPORTANTE: PERCHE'?

I vaccini vanno a stimolare una risposta immunitaria specifica contro determinati agenti patogeni e svolgono un’azione protettiva, oltre che sul singolo individuo, anche sull’intera popolazione.

La vaccinazione viene considerata come uno degli interventi di prevenzione più efficaci messi a disposizione dalla sanità pubblica per prevenire malattie gravi o che possono causare importanti complicanze. È per questo motivo che il Ministero della Salute e l’Agenzia Internazionale di Controllo e Prevenzione delle Malattie (CDC) raccomandano le vaccinazioni soprattutto in età pediatrica.

In generale i rischi correlati alla mancata vaccinazione sono decisamente più alti rispetto a quelli della vaccinazione stessa.

 

GLI EFFETTI COLLATERALI DEI VACCINI

La maggior parte dei bambini, trovandosi in buona salute, quando viene vaccinata non presenta reazioni avverse obiettivabili. Tuttavia, come qualunque trattamento sanitario, anche i vaccini non sono esenti da possibili effetti collaterali, anche se reazioni molto gravi sono rare.

Per la maggior parte dei casi si tratta di reazioni locali semplici (lieve gonfiore o arrossamento nella zona dove viene praticato il vaccino), stati febbrili e reazioni di ipersensibilità cutanea, che scompaiono entro pochi giorni.

Le reazioni definite "gravi" sono rappresentate da febbre elevata (>39,5°), convulsioni febbrili, reazioni di ipotonia/iporesponsività o viceversa pianto/irritabilità, che si possono presentare nei bambini nel primo anno di vita ed episodi di cefalea negli adolescenti.

Sono comunque eventi che si risolvono in tempi brevi senza lasciare alcuna sequela.

 

E' PIU' PERICOLOSO VACCINARSI O NON VACCINARSI?

Ad oggi i rischi correlati alla mancata vaccinazione sono notevolmente più alti rispetto ai possibili eventi avversi da attribuire ai vaccini. E ci preme ricordare come una capillare vaccinazione possa eradicare malattie estremamente pericolose per l’uomo, come è stato per il vaiolo. In questo caso una forte e coordinata campagna di vaccinazione su scala mondiale ha permesso di liberare l’intero pianeta da una malattia terribile. Adesso che il pericolo è passato non serve più vaccinarsi contro il vaiolo.

Ci sono altre malattie che potrebbero essere eradicate, ma per far sì che una campagna di vaccinazione riesca, bisogna che tutti facciano la loro parte contribuendo a salvaguardare la propria salute e quella di chi gli sta vicino.

 

CONTRO I VACCINI: LEGGI ALCUNE TESTIMONIANZE

COSA DICE A PROPOSITO DEI VACCINI IL MINISTERO DELLA SALUTE

LE CONCLUSIONI DELL'IMMUNIZATION SAFETY REVIEW COMMITTEE SU VACCINI E AUTISMO (GRUPPO INDIPENDENTE USA)




Profilo del medico - Vanessa Pittiglio

Nome:
Vanessa Pittiglio
Occupazione:
Dottoressa in infermieristica e biotecnologie
Contatti/Profili social:


Articoli che potrebbero interessarti

Talassemia: una "antica" malattia del sangue

Talassemia: una "antica" malattia del sangue

Anche definita “anemia mediterranea” perché diffusa nel bacino del Mare nostrum, la talassemia è una grave malattia del sangue che provoca la parziale o totale distruzione dei globuli rossi. Chi ne soffre, in...

24/02/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X