ForumSalute

L'intolleranza enzimatica ai carboidrati complessi non digeribili

L'intolleranza enzimatica ai carboidrati complessi non digeribili

20-01-2017 - scritto da Francesca F. Salute

L'accumulo di carboidrati complessi non digeribili presenti nei cibi naturali e industriali, rallenta la digestione e favorisce lo sviluppo di intolleranze.

Aiuta la tua digestione, contro l'intolleranza ai carboidrati complessi fai un pieno di enzimi!

 

Le intolleranze alimentari di tipo enzimatico sono reazioni causate da una carenza, parziale o totale,  degli enzimi deputati alla digestione di determinate sostanze contenute negli alimenti, che non possono quindi essere completamente assorbiti. La carenza di questi enzimi è dovuta sia alla mancata produzione da parte dell’organismo, sia allo scarso apporto di enzimi attraverso l’assunzione di alimenti che li contengono in forma naturale.

 

Oggi sempre più persone mostrano una intolleranza ai carboidrati complessi non digeribili, che si accumulano nell’intestino causando fermentazione, irritazione, gas, meteorismo, gonfiore addominale, diarrea e costipazione.

 

Dove si trovano queste sostanze e come possiamo combattere l’intolleranza ai carboidrati complessi non digeribili?

 

I CARBOIDRATI BUONI: LE FIBRE ALIMENTARI

I carboidrati complessi non digeribili sono i costituenti delle fibre alimentari, che secondo la definizione dell’American Association of Cereal Chemists (AACC 2001) rappresentano la parte edibile delle piante che non viene digerita e assorbita, perché il nostro organismo non produce gli enzimi capaci di farlo.

 

Una volta giunte nell’intestino, le fibre alimentari favoriscono la crescita dei batteri intestinali buoni e inibiscono i batteri cattivi, promuovendo la corretta funzionalità intestinale.

 

Come insegna la dieta mediterranea, che ne contiene in abbondanza, le fibre alimentari sono elementi indispensabili per una alimentazione sana e possiamo assumerle con la dieta in due diverse forme:

  • Le fibre solubili e parzialmente fermentabili. Sono carboidrati solubili in acqua, il cui contatto forma un composto viscoso che rallenta la motilità intestinale e impedisce l’assorbimento di grassi e zuccheri semplici riducendo il rischio di colesterolo alto e malattie cardiovascolari. In questa categoria di fibre rientrano le gomme, le mucillagini e i polisaccaridi delle alghe. Buone fonti di fibre solubili sono l’avena, l’orzo, la frutta, la verdura ed i legumi come fagioli, lenticchie e ceci.
  • Le fibre insolubili e non fermentabili. Queste sostanze assorbono molta acqua e aumentano il volume delle feci, favorendo la motilità intestinale. Si tratta soprattutto di componenti vegetali come la cellulosa, la lignina e le emicellulose. I cereali integrali ed il pane integrale sono fonti ricche di fibra insolubile.

 

I CARBOIDRATI CATTIVI: I CIBI RAFFINATI

Altra utilità, invece, sembrano avere i carboidrati complessi non digeribili presenti nei cibi raffinati, ovvero alimenti di produzione industriale che subiscono un processo di trasformazione (raffinazione) che li priva dei nutrienti presenti nell’alimento al naturale e, come se non bastasse, li arricchisce ulteriormente di zuccheri e di conservanti. I cibi raffinati sono una presenza quotidiana sulla nostra tavola: pane, pasta e riso bianchi, piatti precotti, torte, biscotti, merendine, snack, succhi di frutta, bevande aromatizzate e zuccherate.

 

Per evitare l’accumulo di carboidrati complessi non digeribili bisognerebbe limitare il consumo di cibi raffinati e sostituirli con alimenti più sani e nutrienti. Peccato, però, che il ritmo della vita di oggi ce li presentI ogni giorno come la formula vincente per un pasto veloce e saziante tra lavoro e gli altri impegni quotidiani...

 

INTEGRATORI DI ENZIMI, UN AIUTO REALMENTE EFFICACE

Nel caso di una intolleranza enzimatica ai carboidrati complessi non digeribili può essere utile ricorrere all’uso di integratori alimentari a base di enzimi digestivi come l'alfa-galattosidasi, assente nel nostro organismo, e che invece è indispensabile per una digestione completa di tanti cibi che altrimenti risulterebbero pesanti e finirebbero per causare disagi intestinali con ovvie ripercussioni sulla qualità di vita.

 


 

Articolo consigliato da Endofit Gas Control, l’associazione di enzimi naturali che ti consente un’alimentazione più libera e completa. Disponibile in farmacia.

 

Intolleranza ai carboidrati complessi? Fai un pieno di enzimi, assumi Endofit Gas Control.

I cibi ricchi di carboidrati complessi ti causano intolleranze e fastidi intestinali? È ora di agire grazie ad un preparato naturale come Endofit Gas Control!

Endofit Gas Control è un integratore tutto naturale che contiene un complesso di enzimi di origine vegetale, tra cui l'alfa-galattosidasi, che promuove il corretto assorbimento dei principi nutritivi e permette di digerire i carboidrati complessi. La sua corretta integrazione riduce i sintomi dell'intolleranza enzimatica ai carboidrati complessi senza rinunciare a cibi salutari come cereali, frutta e verdura.

 

Ordina Endofit Gas Control in farmacia.

 


 

Referenza: The Definition of Dietary Fiber - Report of the Dietary Fiber Definition Committee, CFW, March 2001.

 

Leggi anche:

Intolleranze alimentari: quali cibi le provocano?

Obesità: e se fosse colpa di un’intolleranza alimentare?

Intolleranza alimentare: perché andare dall'allergologo?

Leggi tutti gli articoli della rubrica dedicata ad enzimi & digestione




A cura di Francesca F. Salute
ForumSalute
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter
ForumSalute su Google+
Francesca F. Salute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X