IPERTIROIDISMO

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

IPERTIROIDISMO

30-01-2011 - scritto da EndocrinologiaOggi

L’ipertiroidismo è quella condizione in cui la tiroide libera grandi quantità di ormoni tiroidei, non perché danneggiata, ma perché funziona più del dovuto.

La tiroide è una ghiandola endocrina in grado di produrre, contenere e liberare tiroxina (T4) e triiodotiroinina (T3) comunemente noti come ormoni tiroidei.

IPERTIROIDISMO

IPERTIROIDISMO


Definizione
Se la tiroide viene danneggiata per qualche motivo (spesso per processi infiammatori) viene liberata una grossa quantità di ormoni tiroidei che dà origine ad un quadro clinico detto tireotossicosi. L’ipertiroidismo, invece, è quella condizione in cui la tiroide libera grandi quantità di ormoni tiroidei, non perché danneggiata, ma perché funziona più del dovuto.

Queste due condizioni, però, sono quasi indistinguibili dal punto di vista clinico ma è opportuno saperle riconoscere perché avendo cause diverse hanno anche terapie completamente diverse.

 

SINTOMI

I sintomi più frequenti sono nervosismo, cardiopalmo, sudorazione, intolleranza al caldo, stanchezza muscolare, diarrea e dimagrimento nonostante l’appetito aumentato. Spesso sono presenti disturbi sessuali come irregolarità mestruali (nelle donne) ed eiaculazione precoce (nei maschi).
A questi sintomi, soprattutto nel morbo di Basedow, si possono associare altri sintomi oculari come bruciore, fotofobia ed esoftalmo (ovvero la protusione dei bulbi oculari).


CAUSE

La cause dell’ipertiroidismo sono molteplici.
La causa più comune è il morbo di Basedow una patologia autoimmune che stimola tutta la tiroide a funzionare più del dovuto; in questo caso la tiroide si presenta spesso di dimensioni aumentate ma senza noduli e spesso si accompagna a disturbi oculari (bruciore, fotofobia, esoftalmo) che danno il quadro di oftalmopatia basedowiana.

L’ipertiroidismo, tuttavia, può riscontrarsi anche nel gozzo multinodulare tossico; in questo caso, uno o più noduli presenti da anni nella tiroide comincia a funzionare più del dovuto producendo ormoni tiroidei in eccesso.

Nel caso del morbo di Plummer, invece, nella tiroide è presente un solo nodulo (e non tanti come nel gozzo) che, producendo grosse quantità di ormoni tiroidei, causa il quadro di ipertiroidismo.

Meno frequente, ma non rarissimo, è l’ipertirodismo nell’ambito di tiroiditi autoimmuni (Hashitossicosi) o dovuto ad un eccesso di iodio.
Esistono, infine, cause molto più rare di ipertiroidismo come l’adenoma ipofisario TSH secernente ed i coriocarcinomi. Queste condizioni, assieme a tutte le cause di tireotossicosi (tiroiditi, assunzione di farmaci o sostanze contenenti ormoni tiroidei) sono accomunate dalle stesse manifestazioni cliniche.


DIAGNOSI
La diagnosi di ipertiroidismo si effettua dosando, con un semplice prelievo di sangue, gli ormoni tiroidei liberi (FT3 e FT4) che risultano molto elevati ed il TSH che risulta solitamente basso.
Per individuare quale tipo di ipertiroidismo ci troviamo di fronte, inoltre, può essere utile dosare gli autoanticorpi (anticorpi anti TPO, anticorpi anti tireoglobulina e anti TSH recettore) che possono essere più o meno alterati.
Per un completamento diagnostico può essere necessario eseguire anche un’ecografia della tiroide e la scintigrafia tiroidea.


TERAPIA
Una volta individuata la causa dell’ipertiroidismo si instaura la terapia.
In tutti i casi di ipertiroidismo possono essere usati farmaci sintomatici che ne riducano i sintomi (beta-bloccanti); ma a seconda del tipo di ipertiroidismo si instaurerà la terapia più idonea.
La terapia può essere di tipo farmacologico (che prevede l’uso di farmaci tireostatici, i.e. tionamidi, che riducono l’attività della tiroide), di tipo radiometabolico (che prevede l’uso di Iodio radioattivo) o, in alcuni casi, di tipo chirurgico con l’asportazione di parte o di tutta la tiroide.


Dal sito EndocrinologiaOggi:
www.endocrinologiaoggi.it


Dott. Massimiliano Andrioli
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio

EndocrinologiaOggi, Lecce
via Ruffano 4, Casarano (Lecce)
tel/fax 0833.501676

Endocrinologia, Istituto Auxologico Italiano, Milano
p.zzale Brescia 20, Milano
tel 02.619112500

Endocrinologia, Clinica Villa Margherita, Roma
viale di Villa Massimo 48, Roma
tel. 06.86275810/20



Dott. Massimiliano Andrioli

Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio

EndocrinologiaOggi, Roma

viale Somalia 33A, Roma tel 06.86391386 cell 333.7831426

EndocrinologiaOggi, Lecce

via Ruffano 4, Casarano (Lecce) tel/fax 0833.501676 cell 333.7831426

Profilo del medico - EndocrinologiaOggi

Nome:
Massimiliano Andrioli
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Medico Endocrinologo
Specializzazione:
Endocrinologia e malattie del ricambio
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X