La pillola contraccettiva e il rischio glaucoma

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La pillola contraccettiva e il rischio glaucoma

22-11-2013 - scritto da Angela Nanni

Le pillole anticoncezionali aumentano il rischio glaucoma?

Uno studio tenta di chiarire se assumere anticoncezionali può aumentare il rischio di soffrire di glaucoma.

La pillola contraccettiva e il rischio glaucoma

Il glaucoma è una patologia dell'occhio molto diffusa: fra i principali fattori di rischio per questa patologia si noverano l'età avanzata, una storia familiare per la patologia, il diabete, l'ipertensione sistemica, la miopia, terapie continuative nel tempo con cortisonici o i traumi oculari.

Di solito il primo sintomo di glaucoma è un'elevata pressione intraoculare che determina un progressivo danneggiamento del nervo ottico: l'aumento della pressione intraoculare, purtroppo, è di solito asintomatico e quindi ci si può accorgere del progredire della malattia troppo tardi; non a caso il glaucoma è una delle principali cause di cecità.

Un recente studio americano ha trovato una certa correlazione fra assunzione della pillola anticoncezionale e sviluppo del glaucoma: nello specifico sono state seguite più di 3400 donne con più di 40 anni che assumevano la pillola.

Queste donne hanno risposto a specifici questionari e sono state sottoposte a delle visite oculistiche: le donne che hanno assunto la pillola per più di tre anni consecutivi hanno evidenziato un rischio doppio, rispetto alle altre di sviluppare glaucoma. Secondo i ricercatori le donne sono rmonalmente protette dal glaucoma fino alla menopausa, ma l'assunzione dei contraccettivi va ad alterare questo equilibrio fisiologico e le espone ad un maggior rischio glaucoma.

Se questo studio verrà confermato le donne che assumono contraccetivi per una maggiore sicurezza dovrebbero sottoporsi a controlli oculistici più frequenti.

Amoxicillin | Flickr



A cura di Angela Nanni, Farmacista iscritta all'Albo dal 2005 e Redattore medico scientifico freelance.
Profilo Linkedin di Angela Nanni
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X