NANOTECNOLOGIE E TUMORE DEL SENO

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

NANOTECNOLOGIE E TUMORE DEL SENO

14-02-2014 - scritto da Prof.ssa Virginia A. Cirolla

Nanotecnologie: le terapie del futuro contro il cancro perchè permettono di arrivare dove i farmaci tradizionali non riescono

Nanotecnologie contro i tumori: microparticelle di albumina eviteranno l'utilizzo di chemioterapici pesanti e dai potenti effetti collaterali

NANOTECNOLOGIE E TUMORE DEL SENO In un Futuro prossimo assisteremo alla scoperta di protocolli terapeutici sempre piu' mirati che

permetteranno di selezionare forme tumorali oggi considerate di difficile risoluzione e capaci

di compromettere le qualita' di vita di una persona. E' il caso del carcinoma metastatico del

seno che colpisce le donne duramente dal punto di vista fisico e psicologico sottoponendole a

cure difficili da sostenere.

Le terapie bersaglio frutto dell'ingegneria genetica mettono a disposizione micro particelle di

albumina che funzionano da carrier per trasportare al centro della cellula tumorale un

chemioterapico come il paclitaxel uno dei taxani utilizzati nel trattamento del tumore del seno

metastatico.

La nanoterapia CT bypassa il ricorso a chemioterapici pesanti che contengono sostanze solventi

legati a sgradevoli effetti collaterali quali reazioni iatrogene allergiche.

Comporta una somministrazione piu' breve e facile mezz'ora d'infusione versus le tre ore in

media di fleboclisi. E soprattutto piu' efficace ed allunga la sopravvivenza media.

Le pazienti non devono essere preparate in premedicazione e dopo l'infusione le pazienti sono

dimesse autonomamente senza effetti collaterali negativi dei farmaci tradizionali.

Dal punto di vista psicologico un notevole alleggerimento del peso emotivo che la patologia

tumorale puo' comportare;l'albumina costituisce un veicolo naturale che si adatta in ogni parte

del nostro corpo come ospite naturale.

E' stata approvata ad oggi come seconda linea nel carcinoma del seno metastatico ma e' gia

stata avviata la sperimentazione per poterla prescrivere in fase della malattia precoci ed altri

tumori.

In seconda linea la terapia ha una percentuale di risposta doppia nel trattamento del tumore del

Seno anche se non e' stata ancora validata per gli altri parenchimi

Il comportamento degli specialisti nei confronti del tumore del seno e' mutato negli ultimi tempi

piu' che pensare alla sopravvivenza esente dalla malattia ci si preoccupa di come superera'la

paziente il rischio della sconfitta e soprattutto di come saranno dal punto di vista qualitativo i

tempi della malattia oncologica.Si pensa alla Vita in famiglia della donna,del suo ruolo di

madre e moglie,alla sua integrita' fisica e psichica. La Chirurgia e le Terapie Oncologiche

segnano un'unica direzione il Rispetto della Persona- paziente piu' che la Cura di Organi e/o

parenchimi !!!!!




www.studiomedicocirolla.it
www.aismo.it

Prof.ssa Virginia A.Cirolla
MD,PhD in Experimental And Clinical Research Methodology in Oncology Department of Medical and Surgical Sciences and Translational Medicine "Sapienza" University of Rome
National President A.I.S.M.O. ONLUS
www.studiomedicocirolla.it
www.aismo.it

Profilo del medico - Prof.ssa Virginia A. Cirolla

Nome:
Virginia Angela Cirolla
Comune:
ROMA
Telefono:
0645477448 3396769115, 3930944388, 3335230409
Azienda:
A.I.S.M.O. ONLUS
Professione:
Ricercatore
Posizione:
PRESIDENTE NAZIONALE
Occupazione:
MEDICO CHIRURGO SENOLOGO/TITOLARE CENTRO DI FORMAZIONE ANFOS/DIRETTORE SANITARIO A.I.S.M.O. ONLUS
Specializzazione:
Oncologia Medica, Medicina alternativa, Chirurgia generale, Perf in Ecografia, Senologia, Master Format. ANFOS, Master Agopuntura, Dottorato Ricerca Oncologica
Contatti/Profili social:
email email sito web facebook twitter google plus linkedin


Articoli che potrebbero interessarti

Incontinenza urinaria femminile: cause e rimedi

Incontinenza urinaria femminile: cause e rimedi

29/11/2019.   Ci sono disturbi, come ad esempio l’incontinenza urinaria, che possono provocare imbarazzo al punto da rendere difficile il confronto con il proprio medico. Tuttavia, per contrastare al meglio questo disagio è bene...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X