Ritorno al lavoro: non perdere il sonno!

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Ritorno al lavoro: non perdere il sonno!

28-01-2010 - scritto da Viviana Vischi

I benefici della melatonina per riprendere il ritmo, gli altri segreti per annullare gli effetti negativi del jet-lag e ritrovare vitalita’ ed energia

Come non perdere il sonno e il benessere regalati dalle vacanze

Ritorno al lavoro: non perdere il sonno!

Settembre, tempo di ritornare al lavoro, allo studio, allo sport e alla solita routine. Ma che fiacchezza, siamo appena rientrati dalle vacanze e già ne abbiamo dimenticato i benefici! Il sonno è diminuito e peggiorato, al mattino abbiamo difficoltà di concentrazione e memoria, durante la giornata siamo nervosi e intrattabili. Perché succede? La colpa può essere degli ultimi caldi afosi, del ritorno allo stress e alle preoccupazioni di tutti i giorni, ma anche dei lunghi viaggi di rientro dalle mete lontane, che possono aver alterato il ritmo sonno-veglia, provocando il famoso jet-lag.
Se le ore e la qualità del riposo notturno non sono sufficienti, il nostro organismo perde la sua naturale vitalità: il corpo è appesantito soprattutto nelle gambe, prevalgono il senso di spossatezza, la sonnolenza e il cattivo umore. E’ importante intervenire subito, perché queste sensazioni alla lunga condizionano le normali attività lavorative o di studio, le prestazioni sportive e, nei casi più gravi, anche la vita sociale e di relazione.
Per riprendere il ritmo e aiutare il nostro organismo a “riorganizzarsi”, ritrovando un bel sonno naturale e fisiologico, la soluzione la possiamo trovare “dentro di noi” e risponde al nome di melatonina. La melatonina è una sostanza prodotta dalla ghiandola pineale per sincronizzare l’orologio biologico, rinforzare le difese, tenere sotto controllo la pressione e proteggere il sistema nervoso centrale. La melatonina comincia ad essere prodotta all’età di tre anni, ma diminuisce con l’età. Quindi un’integrazione può essere utile per gli adulti che hanno problemi a dormire bene, ma anche per superare le difficoltà legate al cambiamento di fuso orario e per regolarizzare la vita dei cosiddetti “gufi” , cioè coloro che vanno a letto a notte fonda e si svegliano molto tardi la mattina.
Per annullare gli effetti negativi del cambiamento di fuso orario e ritrovare benessere e vitalità, per qualche giorno può essere anche utile ricorrere a una dieta essenzialmente proteica, a base soprattutto di carne, pesce e soia. Questi alimenti hanno tanti effetti benefici: innanzitutto sono in grado di stimolare positivamente i centri nervosi responsabili della percezione del tempo; in secondo luogo regalano energia, quindi permettono di affrontare al meglio il ritorno alle intense giornate di lavoro; infine, giorno dopo giorno assottigliano il girovita. Le proteine hanno infatti un effetto drenante, asciugano la silhouette senza “svuotarla” e regalano un corpo tonico e scattante.
Altri trucchi per dormire bene? Coricarsi in una stanza dove la temperatura è di 19 gradi; su un letto rigido ma non troppo; con la testata posizionata in modo da vedere la porta (una strategia che aiuta a scongiurare tensioni e nervosismo); avvolgersi in lenzuola di cotone, il tessuto più sano a contatto con la pelle. Ed evitare tassativamente i sonnellini pomeridiani.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

01/10/2021.   A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di accorgersi di avvertire un dolore al calcagno sordo o trafittivo. Nulla di cui allarmarsi generalmente, perché questo tipo di mal di piedi è molto...

La respirazione: un balsamo per l’intestino e il cervello

La respirazione: un balsamo per l’intestino e il cervello

21/06/2021.   Eccoci di nuovo a parlare di ansia associata all’intestino irritabile. Come ormai dovresti sapere, esiste un legame scientificamente dimostrato tra il cervello e l’intestino, e ogni impulso che arriva dalla testa, si...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X