Alimentazione vegana e prevenzione tumori

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Alimentazione vegana e prevenzione tumori

17-01-2011 - scritto da Prof.ssa Virginia A. Cirolla

L’alimentazione vegana (ortoressia) diminuisce il rischio del cancro al colon-retto in chi è esposto a fattori di rischio o predisposto a questo tipo di tumore.

Il presunto ruolo anti-cancro di frutta e verdura.

Chi consuma carne rossa è più a rischio di sviluppare il tumore del colon-retto rispetto a chi segue un'alimentazione vegetariana o vegana. La causa risiede nei grassi contenuti nella carne rossa. Le più recenti ricerche dimostrano però che non sono i grassi saturi il fattore di rischio, ma il loro abuso: in soggetti normopeso, infatti, il fattore di rischio non è aumentato. 

Una ricerca condotta su 350.000 donne per un periodo di 6-15 anni da ricercatori della Harvard School of Public Health di Cambridge, nel Massachusetts, ha dimostrato che non c'è nessuna prova convincente di una significativa diminuzione del rischio di tumore del seno nelle donne che consumano frutta e verdura in abbondanza. La ricerca ha dimostrato come nelle donne obese il rischio di tumore al seno sia più alto.

Questo trial dimostra che il presunto ruolo anti-cancro di frutta e verdura è decisamente ridotto se si considerano individui "magri". In sostanza si deve modificare la precedente posizione secondo cui esisterebbero alimenti (come i grassi di origine animale) che favorirebbero i tumori in quella secondo cui alcuni alimenti sarebbero tanto più a rischio di provocare il cancro quanto più il soggetto è sovrappeso.

Anche se preserva solo in parte dai tumori all'apparato digerente (anche i vegani muoiono di cancro!), una dieta ricca di vegetali potrebbe essere un aiuto per tutti coloro che sono esposti a fattori di rischio o sono geneticamente predisposti a questo tipo di tumori.

Un'alimentazione vegana non ha un'incidenza significativa sulla vita media, tenendo conto che comporta anche svantaggi dal punto di vista salutistico, altrettanto provati come la riduzione del 30% del rischio tumorale. La genetica ha ormai dimostrato che la frase "siamo ciò che mangiamo" è solo in parte vera perché è anche vero che "siamo come nasciamo".

Uno studio del dipartimento dell'Agricoltura statunitense su 71 tipi di broccoli ha rilevato che le quantità di glucorafanina (la sostanza che dovrebbe proteggere dal cancro) varia a seconda del tipo. In alcuni broccoli è addirittura assente. I nutrizionisti americani alla luce di queste scoperta pensano di realizzare ibridi ricchi di glucorafanina, addirittura con l'impiego della genetica. Ciò forse non piacerà ai vegani più naturalisti, ma il mondo va avanti. Infatti le varietà attuali più ricche di glucorafanina sono quelle più amare, meno appetibili (la glucorafanina è legata a un'altra sostanza dal sapore amarognolo) e quindi non basteranno le tecniche tradizionali per ottenere ibridi che possano essere accolti favorevolmente dai consumatori. Lo stesso procedimento si pensa di attuare anche per i pomodori, aumentando il contenuto di licopene, un antiossidante che attacca i radicali liberi. Poiche’ la quantità di licopene è proporzionale alla temperatura del luogo di coltivazione le modificazioni genetiche possono essere adattate alle condizioni climatiche piu' idonee.



Prof.ssa Virginia A.Cirolla
MD,PhD in Experimental And Clinical Research Methodology in Oncology Department of Medical and Surgical Sciences and Translational Medicine "Sapienza" University of Rome
National President A.I.S.M.O. ONLUS
www.studiomedicocirolla.it
www.aismo.it

Profilo del medico - Prof.ssa Virginia A. Cirolla

Nome:
Virginia Angela Cirolla
Comune:
ROMA
Telefono:
0645477448 3396769115, 3930944388, 3335230409
Azienda:
A.I.S.M.O. ONLUS
Professione:
Ricercatore
Posizione:
PRESIDENTE NAZIONALE
Occupazione:
MEDICO CHIRURGO SENOLOGO/TITOLARE CENTRO DI FORMAZIONE ANFOS/DIRETTORE SANITARIO A.I.S.M.O. ONLUS
Specializzazione:
Oncologia Medica, Medicina alternativa, Chirurgia generale, Perf in Ecografia, Senologia, Master Format. ANFOS, Master Agopuntura, Dottorato Ricerca Oncologica
Contatti/Profili social:
email email sito web facebook twitter google plus linkedin


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X