Allergia al veleno degli insetti: ecco come si manifesta

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergia al veleno degli insetti: ecco come si manifesta

05-07-2013 - scritto da Patrizia Frattini

Sintomi e incidenza dell'allergia al veleno di imenotteri

Cos'è l'allergia al veleno degli insetti

Allergia al veleno degli insetti: ecco come si manifesta La puntura di vespe, api o calabroni è uno spiacevole incidente piuttosto frequente nella stagione primaverile ed estiva. Se nella maggior parte dei soggetti l’incidente si risolve con arrossamenti locali passeggeri, per alcuni la puntura di un insetto può invece essere causa di sintomi più gravi e duraturi. Parliamo dei soggetti allergici al veleno degli imenotteri.

Secondo recenti statistiche questa allergia colpisce circa il 5% della popolazione adulta. Di questo 5%, circa l’1% delle reazioni allergiche è di tipo anafilattico (una reazione grave, che può arrivare ad essere letale). Ma come si manifesta una allergia al veleno di insetti?

Generalmente questo tipo di allergia compare a partire dalla seconda puntura di un insetto. Dopo la prima puntura infatti il veleno iniettato dall’insetto scatena nei soggetti allergici la produzione di anticorpi IgE, ma non avviene alcuna reazione allergica. Dalla seconda puntura in poi gli anticorpi prodotti reagiscono con il veleno dell’insetto causando il rilascio da parte dell’organismo di istamina e di altre sostanze che scatenano le reazioni avverse.

I soggetti che vengono punti frequentemente sviluppano più difficilmente questo tipo di allergia, poiché la somministrazione frequente del veleno dell’insetto produce una sorta di iposensibilizzazione. Il fattore di rischio maggiore per lo sviluppo di questa allergia consiste invece in punture che si verificano a distanza di almeno due mesi l’una dall’altra.

I sintomi di questo tipo di allergia possono variare di intensità e gravità e vanno dalla semplice reazione locale (che però per essere considerata una reazione allergica deve presentare gonfiore e arrossamenti con diametro di più di 10 centimetri e durata superiore a 24 ore) fino a reazioni sistemiche (che coinvolgono cioè tutto l’organismo) che possono causare vampate di calore e orticaria e, meno frequentemente, nausa, crampi addominali, dolori. Non sono rari inoltre i sintomi respiratori, dovuti al rigonfiamento della laringe, accelerazione del battito cardiaco e abbassamenti di pressione. Tutti questi sintomi si manifestano generalmente nel corso dei primi trenta minuti dopo la puntura dell’insetto.

Foto: Pixabay.com

A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

28/09/2021. Il cuore rappresenta l’organo centrale del nostro apparato circolatorio. È posizionato all’interno della gabbia toracica, a sinistra, e assolve alla fondamentale funzione di inviare e ricevere il sangue tramite i vasi...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X