Allergia alla tinta per capelli: quattro possibili cause

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergia alla tinta per capelli: quattro possibili cause

05-06-2015 - scritto da Patrizia Frattini

Improvvisamente, dopo la solita tintura, ecco arrossamenti, prurito, gonfiore: potrebbe trattarsi di una reazione allergica alla tinta, anche se è la stessa utilizzata da anni...

Allergia alla tinta: spesso il rash cutaneo compare sul viso anziché sul cuoio capelluto.

Allergia alla tinta per capelli: quattro possibili cause

Desquamazione, arrossamenti cutanei e del viso, prurito, gonfiore del viso: se questi sintomi si presentano dopo aver fatto un tintura ai capelli potrebbe trattarsi di una reazione allergica, dovuta alla presenza di uno o più elementi “indesiderati” dal nostro organismo nel prodotto utilizzato. “Ma non è possibile: utilizzo lo stesso prodotto da anni!” - obietterà qualcuno. Questo però non è un buon motivo per escludere la possibilità che la nostra amata tinta ci abbia causato quel rossore indesiderato: può infatti accadere che ci si sensibilizzi a un particolare elemento contenuto nei prodotti per capelli anche dopo molti anni di utilizzo, per esempio in seguito a piccoli tagli o escoriazioni che ne favoriscono la penetrazione.

 

I sintomi tipici di una allergia di questo tipo sono quelli di una dermatite da contatto e possono comparire su palpebre, viso, collo e orecchie, zone più delicate e sensibili rispetto al cuoio capelluto. Nei casi più gravi può anche essere presente un grave gonfiore, che a volte viene scambiato per angioedema. La differenza rispetto a un angioedema (cioè un gonfiore della pelle) è che quest’ultimo non presenta prurito o rossore, non compare su un solo lato del viso e non si desquama, come invece accade nei casi di dermatite da contatto. Generalmente i sintomi si manifestano entro un massimo di due o tre giorni dalla tintura e possono avere anche durata prolungata, fino ad alcune settimane.

 

Passiamo ora ad indagare quali sostanze possono scatenare una simile reazione allergica.

 

1. PPD o para-fenilendiammina. Si tratta di una sostanza chimica utilizzata nelle tinture per capelli. È tra i maggiori indiziati quando si cerca il responsabile di una reazione allergica alle tinture perché penetra molto facilmente nel fusto del capello e nel follicolo e si lega facilmente alle proteine della pelle. Proprio per questo alcuni Paesi europei, come Francia, Svezia e Germania, ne hanno vietato l’utilizzo. La PPD però è tutt’ora presente in oltre i due terzi delle tinture per capelli. Un trucco per evitarla è ricercare la dicitura “ipoallergenico” che generalmente indica un prodotto in cui la PPD è assente

 

2. Gliceril tioglicolato. È una sostanza chimica utilizzata frequentemente nelle soluzioni per permanente, che spesso vengono impiegate in combinazione con le tinture, ed è tra i possibili allergeni responsabili di reazioni avverse

 

3. Cobalto. Il cobalto è un prodotto chimico che fornisce il pigmento nelle tinture di colore castano. Si tratta di un nemico “insidioso” poiché è presente anche nelle tinture ipoallergeniche

 

4. Cocamidopropyl betaina. Un derivato del cocco presente in molti saponi, prodotti per il bagno e shampoo. Ha una azione tensioattiva (cioè serve a produrre schiuma) ed è presente anche in alcuni prodotti per l’hair styling, spesso utilizzati dopo la colorazione dei capelli

 

Questi sono i quattro principali “indiziati” quando si cerca il responsabile di una reazione allergica scatenata da una tintura per capelli o da altri prodotti per l’hair styling. Qualsiasi sia il sospettato, però, è sempre bene evitare le diagnosi fai da te e rivolgersi ad un allergologo per effettuare i necessari esami allergologici e per ricevere la terapia più adatta alla cura dei sintomi.

 

Foto: Pixabay.com



A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X