Allevia i sintomi dell’acufene

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allevia i sintomi dell’acufene

08-02-2019 - scritto da Redazione

L’importanza di riconoscere i sintomi dell'acufene, fare un controllo presso un centro specializzato ed eventualmente ricorrere a soluzioni acustiche apposite.

Cosa puoi fare per combattere l’acufene.

 

Ti è mai capitato di sentire all'improvviso un fischio che gli altri non percepiscono? Può essere che tu soffra di acufene: un disturbo acustico per cui la persona che lo avverte viene colpita da un forte ronzio alle orecchie. I sintomi dell’acufene sono facili da riconoscere: fischio, sibilo o ronzio all’orecchio, più o meno intenso, e per alcune persone il rumore può arrivare ad essere talmente tanto fastidioso da non riuscire nemmeno a svolgere le mansioni più semplici della giornata.

 

Agisci contro l’acufene

A volte il problema principale nel trattare una malattia è quello di non riconoscerne immediatamente i sintomi, trascurando così qualsiasi tipo di azione preventiva. L’acufene può manifestarsi da un momento all’altro senza preavviso ma può durare per diversi giorni, perfino mesi.

 

Una volta accertata la presenza di questo disturbo acustico, il secondo step è fare un controllo presso un centro specializzato nella perdita dell’udito. Qui è possibile fare un test dell’udito e parlare direttamente con gli esperti del settore per trovare la soluzione ideale in base alle esigenze.

 

Infine, smettere di fumare e limitare l’alcol, una dieta sana ed equilibrata accompagnata da un allenamento fisico costante e giornaliero possono alleviare di gran lunga i sintomi dell’acufene.

 

Nonostante ciò, la realtà è che per ridurre realmente i sintomi vi è la necessità di ricorrere a soluzioni acustiche apposite.

 

Acufene oggettivo o soggettivo?

Molte persone non sono sempre consapevoli del fastidio o della malattia a cui possono andare in contro se sottovalutano questo tipo di problema, soprattutto se soffrono di una forma di acufene molto lieve. Il problema reale è che questo tipo di disturbo può aggravarsi in qualsiasi momento.

 

Nonostante esitano due tipi di acufene (soggettivo e oggettivo), anche quello soggettivo, meno invalidante, può complicarsi e svilupparsi in una ipoacusia senza che ce ne si renda conto.

 

  • Soggettivo: è la forma più diffusa di acufene. Questo tipo di acufene è causato da un’attività spontanea o patologica che avviene all’interno dell’apparato uditivo. Il ronzio in questo caso viene percepito solamente dalla persona afflitta e da nessun altro.
  • Oggettivo: è un caso di acufene più raro per cui il rumore non viene percepito solamente dalla persona che ne soffre, ma spesso anche da quelli che la circondano.

 

Se non trattato immediatamente, l'acufene può provocare una vera e propria perdita dell’udito, che renderebbe ancora più difficoltose le varie attività della giornata. Può diventare invalidante e pericoloso, pertanto è importante avere pieno controllo della situazione recandosi da persone esperte che possano offrire soluzioni ragionevoli e ponderate.

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




La Redazione di Forumsalute
ForumSalute: Salute, Benessere, Medicina, Gravidanza, Test
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X