Attacco ischemico transitorio (TIA)

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Attacco ischemico transitorio (TIA)

15-01-2016 - scritto da Angela Nanni

L’attacco ischemico transitorio si risolve da solo nel giro di qualche ora. Per il futuro però è necessario adoperarsi per diminuire il rischio di avere un ictus vero e proprio.

Una persona su 3 dopo aver sperimentato un episodio di TIA ha un ictus nel giro di un anno.

Attacco ischemico transitorio (TIA)

L’attacco ischemico transitorio (TIA) o mini ictus è una condizione di breve durata, qualche minuto o al massimo un’ora, causata da un’anormale irrorazione ematica cerebrale provocata da:

  • un piccolo coagulo che impedisce il normale passaggio del sangue
  • restringimento di un arteria a causa di placche di colesterolo

Tali impedimenti limitano il normale flusso ematico per un breve tempo e poi, in qualche modo, vi è un ripristino della normalità.

 

Dati statistici alla mano, una persona su 3 dopo aver sperimentato un episodio di TIA ha un ictus nel giro di un anno. La condizione è più probabile:

  • nelle persone ipertese, soprattutto quelle che nonostante la terapia farmacologica non riescono a tenere entro i limiti consentiti la loro pressione arteriosa
  • nei diabetici, soprattutto in caso di glicemia fuori controllo
  • nei fumatori
  • nelle persone che abusano di alcol
  • nelle donne che fanno uso della pillola anticoncezionale

 

I sintomi

In caso di TIA il paziente evidenzia difficoltà nell’eloquio e non riesce a capire neanche le parole altrui, vi può essere un intorpidimento o la paralisi temporanea di un lato del corpo, vi è una perdita della sensibilità, disturbi alla vista che può risultare offuscata, nebulosa e confusa, vi possono essere incertezze nei movimenti, perdita della coordinazione e vertigini.

 

La terapia

L’attacco ischemico transitorio si risolve da solo nel giro di qualche ora; una volta che però è stata accertata la sua reale insorgenza è necessario adoperarsi per diminuire il rischio di sviluppare un ictus vero e proprio: a questo scopo può essere molto utile cercare di intervenire su tutti i possibili fattori di rischio e iniziare una terapia anticoagulante se il paziente non assume già farmaci di questa categoria. 

 

Potrebbero interessarti anche:

Prevenire l'ictus a tavola con la frutta e la verdura

Ictus: l'importanza di correre al pronto soccorso

Sintomi dell'ictus nelle donne

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




A cura di Angela Nanni, Farmacista iscritta all'Albo dal 2005 e Redattore medico scientifico freelance.
Profilo Linkedin di Angela Nanni
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.

Profilo del medico - Angela Nanni

Nome:
Angela Nanni
Occupazione:
Farmacista, Specialista in comunicazione medico scientifica
Specializzazione:
Farmacia
Contatti/Profili social:
email


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X