Cereali: buoni, sani ma non tutti uguali

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cereali: buoni, sani ma non tutti uguali

08-05-2013 - scritto da Paola Perria

Fanno parte della nostra alimentazione da millenni, eppure i cereali sono ancora poco conosciuti

Alla scoperta dei differenti tipi di cereali

Cereali: buoni, sani ma non tutti uguali E' curioso che in tanti di noi la parola cereali evochi immediatamente le grandi scatole colorate dei fiocchi, quelli che - sovente arricchiti con frutta secca, miele o cioccolato - gustiamo "ammollati" nel latte o nello yogurt per la colazione del mattino. In realtà la "rivelazione" dei cereali e le prime coltivazioni hanno consentito un enorme balzo in avanti nella storia dell'umanità, dando l'opportunità a gruppi di cacciatori e allevatori nomadi di diventare stanziali e di scoprire l'agricoltura. I panorami primitivi e selvaggi sono così cambiati per sempre, antiche civiltà sono fiorite all'ombra delle grandi piantagioni, intere fertili regioni sono diventate "granai" per popoli conquistatori.

In semi o ridotti in farina e trasformati in pane, pasta, fiocchi; raffinati o integrali, i cereali ci nutrono da millenni, eppure sono ancora degli alimenti poco conosciuti. Difficilmente, quando apriamo un pacco di spaghetti, o impastiamo la farina per preparare una torta, ci domandiamo da dove viene quella polvere bianca e come si ottengono quei lunghi fili dorati che ammorbidiamo nell'acqua bollente e condiamo con gusto e fantasia. Vediamo perciò di elencare qualcuno tra i principali cereali che siamo abituati a consumare, considerandone le caratteristiche nutritive e quali siano adatti anche a chi soffra di celiachia o sensibilità al glutine:

  • Riso Carnaroli: è un cereale di ottima qualità, coltivato in Italia e perfetto per il risotto, ha un chicco lungo con molto amido e tiene bene la cottura. E' adatto ai celiaci
  • Riso Basmati: è un riso orientale dal chicco lungo e sottile, che non scuoce, caratterizzato dal un gusto aromatico e delicato. Rispetto agli altri "risi" innalza meno l'indice glicemico, ragion per cui ben si adatta anche a chi sia diabetico o debba seguire un regime alimentare ipocalorico
  • Avena: poco usata da noi, in Inghilterra è l'ingrediente principale del porridge, una "pappa" nutriente e delicata che si prepara per la colazione. L'avena ha molte proprietà nutritive, contiene minerali come calcio, magnesio, potassio, ferro, proteine, fibre e vitamina B1. E' tollerata dai celiaci ma solo in dosi moderate
  • Farro: ipocalorico, adatto a chi debba dimagrire, il farro è un cereale "povero" della tradizione contadina italiana, usato anche per farci il pane e la pasta. Il suo gusto è ottimo, è ricco di vitamine del gruppo B, proteine e minerali tra cui potassio, sodio, ferro, calcio, magnesio. Non è adatto ai celiaci.
  • Orzo: per i bambini è sempre stato associato al caffelatte della colazione, ma dall'orzo non si ricava solo un buon torrefatto o una polvere da sciogliere nel latte caldo. Questo cereale è ottimo cotto come un riso o una minestra, o lessato per fresche insalate estive. E' digeribile ed energetico, contiene fosforo, ferro, magnesio e soprattutto calcio (perciò è consigliato in menopausa e durante la crescita) vitamina E e PP. Non è adatto ai celiaci.
  • Quinoa: è il cereale del momento, praticamente sconosciuto fino a pochi anni fa, ora è inserito in tutte le diete, soprattutto dimagranti perché questo pseudocereale (in realtà non è proprio un cereale, anche se lo sembra) è molto energetico ma poco calorico. Contiene minerali come ferro e zinco, proteine e fibre. E' adatta ai celiaci
  • Crusca di grano (tenero): la crusca è la parte esterna del chicco di frumento, quella che in genere si scarta. In realtà, è ricchissima di ottime sostanze nutritive, motivo per cui oggi si preferisce assumerla privilegiando i prodotti di grano integrale. La crusca contiene vitamine del gruppo B, fibre che aiutano il transito intestinale, minerali come calcio, magnesio e fosforo. Se decidiamo di consumare prodotti con crusca o comunque di frumento integrale, scegliamoli sempre bio. La crusca di grano non è adatta ai celiaci.
  • Mais: è un ottimo cereale, leggero e digeribile, ricco di fibre ma anche di carotenoidi, degli antiossidanti che regalano al suo chicco il caratteristico color arancio. E' adatto ai celiaci


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X