Degenerazione maculare senile: diagnosi e prevenzione

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Degenerazione maculare senile: diagnosi e prevenzione

30-03-2010 - scritto da Pascotto

L'importanza di essere consapevoli dei fattori di rischio

La degenerazione maculare senile è la causa principale della grave perdita della vista tra gli Italiani d’età superiore ai 65 anni.

NAPOLI - 14/03/2010 - La degenerazione maculare senile.

Essere consapevoli dei fattori di rischio, essere a conoscenza di precedenti all’interno della famiglia e sostenere regolarmente una visita dal medico oculista, può aiutare a ridurre il rischio della perdita della vista dovuto alla degenerazione maculare. Nella sua forma più grave, conosciuta come degenerazione maculare senile umida, la malattia può portare alla perdita permanente della visione centrale, che è essenziale per guidare, leggere e riconoscere i volti. Marzo è il mese della prevenzione della degenerazione maculare senile e il Centro Oculistico Pascotto, attraverso la sua campagna per promuovere la Salute degli Occhi, incoraggia gli Italiani a conoscere i loro rischi riguardo la malattia.

”Gli ultimi anni sono stati segnati da un significativo sviluppo nella comprensione delle cause e del trattamento della degenerazione maculare senile” dice il dottor Antonio Pascotto. “I nuovi progressi clinici e della ricerca ci stanno aiutando a migliorare le cure della degenerazione maculare, sia nella forma ‘umida’ che in quella ‘secca’. Un forte fattore di rischio per le persone è il non essere a conoscenza dei precedenti all’interno della propria famiglia. E’ importante scoprire se i propri familiari hanno sofferto di degenerazione maculare, e riferirlo al proprio medico oculista. Conoscere i rischi può salvare la vista.
 


 

Questi sono i 5 principali fattori di rischio per la degenerazione maculare senile:
- Avere un’età superiore a 60 anni
- Avere un precedente in famiglia
- Fumare
- Soffrire di obesità
- Soffrire di ipertensione

Se sei soggetto a due di questi fattori di rischio, dovresti programmare un appuntamento con il tuo medico oculista per un’approfondita valutazione. Questi può senza dubbio suggerire misure preventive che possono ridurre il rischio di perdere la vista a causa di questo disturbo. I soggetti a rischio dovrebbero essere a conoscenza dei sintomi della degenerazione maculare senile umida, la forma con maggiore probabilità di causare una rapida e grave perdita visiva. Tra i sintomi si annovera il rapido e pronunciato calo o distorsione della vista, come la visione ondulata delle linee. Consultare immediatamente un medico oculista se si presentano tali sintomi. Gli attuali trattamenti per la cura della degenerazione maculare senile umida forniscono un’eccellente probabilità di fermare la perdita della vista e possono effettivamente restituire al paziente parte della visione che la degenerazione maculare gli ha sottratto. Diagnosi preventive di degenerazione maculare umida danno migliori chance di riuscita del trattamento. Ci sono vari fattori di rischio sui quali la persona può intervenire, come il fumo e la dieta, per ridurre il rischio della perdita della vista dovuto alla degenerazione maculare senile, mentre altri fattori di rischio, come quelli genetici, non possono essere modificati. In ogni caso, conoscere la storia medica della propria famiglia è un modo per sapere se si è geneticamente predisposti alla malattia. Un modo per ridurre il rischio di contrarre la degenerazione maculare è smettere di fumare o, naturalmente, non iniziare se non si è fumatori. Per i pazienti ad alto rischio di sviluppare uno stato avanzato di degenerazione maculare, assumere un integratore alimentare di vitamina C, vitamina E e betacarotene, assieme a zinco, si è dimostrato utile ad abbassare del 25% il rischio di progressione della degenerazione maculare verso uno stato avanzato. I pazienti devono consultare il proprio medico oculista prima di assumere qualsiasi integratore alimentare.
 


Per quanto riguarda la degenerazione maculare senile:

La malattia può assumere due forme, denominate “secca” e “umida”.
- Fase iniziale della malattia: depositi gialli chiamati “drusen” si sviluppano sotto la retina, il tessuto fotosensibile presente sul retro dell’occhio che mette a fuoco le immagini e le trasmette al nervo ottico. In questa fase moltissime persone non avvertono riduzioni visive.
- Forma intermedia: i pazienti presentano drusen più larghe e in maggior quantità e un numero maggiore di pigmenti cambiano nella macula (la parte della retina responsabile della visione centrale); tali pazienti sono ad altissimo rischio per entrambe le forme avanzate di degenerazione maculare, quella secca e quella umida. La maggior parte dei pazienti con la forma intermedia non progrediscono fino allo stadio avanzato, ma dovrebbero essere seguiti da un medico oculista e quindi sottoposti a un trattamento se necessario.
- Degenerazione maculare “secca” in fase avanzata: i pazienti possono presentare un punto cieco nella loro visione centrale. Attualmente non ci sono terapie dimostrate capaci di restituire la vista persa a causa della degenerazione maculare secca evoluta, ma le tecnologie per la scarsa visione, incluso il miglioramento della luminosità e l’ingrandimento, aiutano a migliorare la loro qualità di vita.
- Degenerazione maculare “umida” in fase avanzata: in questo stato anormali vasi sanguigni si formano sotto la retina. Questi possono sanguinare o provocare la fuoriuscita di siero causando un’improvvisa e drastica perdita della visione centrale.

Sebbene soltanto circa il 10% degli Italiani affetti da degenerazione maculare soffrono della forma “umida”, essa è responsabile delle più gravi perdite della vista. Trattamenti nuovi ed altamente efficaci, come i medicinali iniettabili ranibizumab e bevacizumab, stanno rapidamente riducendo il danno provocato dalla forma “umida” e possono stabilizzare la vista in più del 90% dei pazienti, migliorando effettivamente la vista in circa il 30-40 % dei pazienti.

Antonio Pascotto





Ti potrebbe interessare anche:

- La degenerazione Maculare Senile (DMS): l’importanza della prevenzione



Centro Oculistico Pascotto

Tel. 081 554 2792
Sito ufficiale ※ Pagina facebook

Profilo del medico - Pascotto

Nome:
Antonio Pascotto
Comune:
Napoli
Telefono:
0815542792
Azienda:
Pascotto srl
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Specialista in Oculistica e Chirurgia Oculare
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook twitter google plus linkedin


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X