I cibi da evitare prima di andare a dormire

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

I cibi da evitare prima di andare a dormire

23-05-2014 - scritto da Paola Perria

Scopriamo quali sono gli alimenti più dannosi per il sonno e per la linea

Cosa non mangiare prima del riposo notturno? Pizza, cioccolato e bistecca, ma non solo...

I cibi da evitare prima di andare a dormire

Mangiare subito prima di andare a dormire, si sa, non fa bene. E’ il modo migliore per garantirsi un sonno disturbato e anche per accumulare qualche chilo di troppo. Le ragioni sono di natura ormonal-metabolica, se consideriamo che il nostro corpo non ha bisogno di energie particolari per affrontare il riposo notturno, e tutto ciò che, in eccesso, viene immagazzinato, poi finisce per diventare riserva lipidica, ovvero grasso. Detto questo, è chiaro che tutti dobbiamo cenare, ma secondo i nutrizionisti, per rispettare i picchi ormonali e i ritmi circadiani del corpo, non dovremmo mai metterci a tavola più tardi delle 20, e soprattutto mai andare a letto a stomaco pieno.

Peccato che la maggior parte di noi, vuoi per ragioni di ordine lavorativo o familiare, vuoi per abitudine, invece cena ben più tardi di quell’ora, e perciò finisce a nanna ancora in piena digestione. Senza contare i tanti peccati di gola a cui ci si lascia andare proprio in quell’intermezzo di tempo che si situa tra le cena e l’andata a letto, con spuntini davanti alla tv o al pc. Tutte pessime abitudini che, però, vengono aggravate dalla tipologia dei cibi scelti. Ci sono alimenti che non solo inducono l’ingrassamento, ma che interferiscono con il ritmo sonno-veglia e che pertanto sono deleteri proprio nelle ore notturne. Ecco i peggiori in assoluto secondo i nutrizionisti americani.

 

 

  • Tutti i dolcetti, da quelli al cucchiaio ai torroncini, fino al gelato. La ragione? I picchi glicemici durante la notte ci fanno venire gli incubi, e i grassi saturi sono difficili da digerire. Perciò mangiando dolci prima di andare a dormire ingrassiamo e dormiamo male
  • Pizza. Chi di noi non ha avuto pessimi risvegli nel cuore della notte dopo la classica pizzata? Anche la miglior pizza (quella che, tanto per capirci, non “lievita “ in pancia), è infatti ricca di sodio (il che produce arsura da disidratazione), e i suoi condimenti sono pesanti da digerire e creano acidità
  • Salsine e condimenti. Anche in questo caso, essendo ricche di calorie, di grassi e spesso di spezie piccanti, non facilitano la digestione e provocano bruciori di stomaco con risveglio notturno
  • Patatine fritte. Soprattutto se salate, sono deleterie, favoriscono la ritenzione idrica e apportano solo calorie vuote
  • La classica bistecca di manzo, tipo fiorentina. E’ inadatta al pasto serale, specie se a ridosso dell’andata a letto. Si tratta di un cibo difficile e laborioso da digerire, ricco di grassi saturi che il corpo impiega non poco a metabolizzare. Pertanto, meglio non affaticare l’apparato digerente con questo tipo di scelta alimentare
  • Pane. Gonfia e fornisce troppe calorie semplici. Semmai, preferitelo integrale e abbrustolito. Ma meglio niente
  • Cioccolato, cole e cibi contenenti caffè. Sono eccitanti e pertanto disturbano il sonno
  • Frutta e verdura in quantità. Mangiate la verdura non a ridosso dell’ora di andare a dormire perché sareste costretti ad andare in bagno più volte, mentre la troppa frutta crea acidità e picchi glicemici. Anche in questo caso, se proprio vi viene il desiderio, mangiate una mela con la buccia (non trattata), e basta
  • Pasta. La pasta ve bene per cena, purché trascorrano almeno due ore tra questa e il letto, altrimenti si crea lo stesso problema di tutti i carboidrati, vi farebbe ingrassare. E gli spaghetti di mezzanotte? Giusto una tantum…

Fonte| corriere.it
Foto| via Pinterest

 

 



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X