Isterectomia, cos'è e come si fa

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Isterectomia, cos'è e come si fa

28-08-2014 - scritto da Cinzia Iannaccio

Tipi di isterectomia e cause

Convalescenza e conseguenze dell'asportazione dell'utero

Isterectomia, cos'è e come si fa L'Isterectomia è una procedura chirurgica. Si parla di isterectomia o isterectomia parziale quando si rimuove solo l'utero, totale, quando invece l'asportazione comprende anche la cervice uterina. Se vengono tolte anche le ovaie e le tube di falloppio l'intervento viene chiamato isterectomia totale con annessiectomia.

L'isterectomia inoltre può essere eseguita attraverso un'incisione nella vagina (isterectomia vaginale) o in laparoscopia con piccole incisioni sulla pancia in grado di far passare gli strumenti. Sono tecniche meno invasive rispetto alla più tradizionale isterectomia addominale che comporta, come dice il nome, l'asportazione attraverso un'incisione chirurgica sull'addome.

Quando si parla di questa procedura si pensa subito ad un tumore maligno, ma non sempre è così. Esistono altre condizioni che possono rendere necessaria tale operazione.

Oltre al tumore ginecologico infatti, a cui possono seguire radioterapia e/o chemioterapia, questa pratica si esegue anche nei seguenti casi:

  • Fibromi uterini
  • Endometriosi (potrebbe essere necessario un intervento di isterectomia con annessiectomia bilaterale).
  • Prolasso uterino
  • Anormale sanguinamento vaginale
  • Dolore pelvico cronico

L'isterectomia come è noto, rende impossibile una gravidanza. Per cui, mentre nel caso di cancro non ci sono spesso alternative, per le altre patologie se la donna è in età fertile si possono e si devono tentare strade diverse. Tutto dipende dai singoli casi, dalla effettiva sintomatologia e dai rischi connessi all'avanzamento della malattia.

Un intervento di isterectomia addominale solitamente si fa in anestesia generale e dura 1-2 ore. Il ricovero previsto è in media di 2 notti almeno. Un pieno recupero delle attività si potrà avere dopo circa 6 settimane in media, per cui sarà necessario, in quel contesto, anche dopo le dimissioni e durante la convalescenza a casa, un riposo costante e soprattutto evitare di sollevare pesi.

In caso di asportazione totale con annessi si avrà una menopausa definita "chirurgica". Se vengono mantenute le ovaie, non si avrà la menopausa, ma è importante sapere che in media questa potrà arrivare prima del previsto. L'aspetto psicologico sarà forse il più difficile da superare, ma il miglioramento della sintomatologia e le aspettative di vita possono molto aiutare. In caso contrario è opportuno rivolgersi ad uno specialista psicoterapeuta.

Foto: Flickr
Categorie correlate:

Fibroma uterino


Salute donna




A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X