La paura di volare: cosa significa e come affrontarla

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La paura di volare: cosa significa e come affrontarla

17-09-2014 - scritto da Emanuela Boldrin

Come superare l'ansia di prendere l'aereo e la paura, irrazionale ma non controllabile, di volare

La paura di volare: cosa significa e come affrontarla

LA PAURA DI VOLARE


La paura di volare è un’ansia diffusa e anticipatoria che vivono molte persone e che condiziona a volte il desiderio di fare un viaggio in un posto lontano od obbliga a scelte impegnative quando ci si trova a dover affrontare un percorso lungo o faticoso. Il termine corretto per definire questa fobia è AEROFOBIA o AVIOFOBIA. Di solito la tensione emerge qualche giorno prima della partenza e si amplifica più ci si avvicina all’evento. Si esprime con sintomi psicosomatici di sudorazione eccessiva, rituali rassicuranti, tachicardia, senso di vertigine o nausea.

A livello psicologico quest’ansia, tipica di tutte le paure, nasce per difenderci da un’emozione che sarebbe ancora più difficile da affrontare, è come un campanello d’allarme che ci esprime qualcosa che non va dentro di noi. Possiamo parlare di paura di mettere la propria sicurezza nelle mani di un pilota o di un mezzo come l’aereo, oppure paura di non poter scendere e sentire il suolo sotto i piedi , vivere una sfiducia nell’affidarsi agli altri ecc.

Se analizziamo il ruolo che viviamo come passeggeri in generale, possiamo spostare l’attenzione a come viviamo la stessa condizione in auto. Essere passeggeri colloca la nostra vita in mani di uno che guida e ci dirige; se abbiamo un senso di disagio anche in auto sarà probabile vivere la stessa paura in un mezzo come l’aereo. Le persone che soffrono di questa si rendono perfettamente conto dell'irrazionalità di certe reazioni emotive, ma non possono controllarle.

In aereo siamo sospesi tragicamente ed inesorabilmente nel vuoto. Questo simbolicamente ci porta a vivere l’insicurezza, l’instabilità. In questo ambito si scatenano anche paure legate alla morte e all’impotenza di fuggire per salvarsi. Sembra che alcune fasi più di altre siano fonti di timore. In particolare vengono vissuti male il decollo e l’atterraggio soprattutto se avvengono in situazioni meteorologiche instabili, con turbolenze, temporali o forte vento. In queste situazioni l’ansia si amplifica e si può arrivare ad attacchi di panico vero e proprio.

 

SIGNIFICATO DEL SOGNO DI VOLARE


Il sogno di volare rappresenta desiderare un senso di libertà dagli ostacoli e dagli impedimenti, raggiungere un successo da soli, con la propria sicurezza ed autostima, avere le ali per superare le difficoltà.

 

 

SUGGERIMENTI PER CHI HA PAURA DI VOLARE

 


  • Cercate di arrivare al volo riposati e puntuali

  • Cercare di fare il viaggio in compagnia di qualcuno

  • Durante il viaggio tentate di distrarvi chiacchierando, leggendo, guardando un film

  • Non guardate fuori del finestrino perché fa aumentare la paura

  • Evitate sostanze eccitanti come thè o caffè anzi provate a rilassarvi


  •  


Potrebbe essere utile fare un breve percorso di psicoterapia cognitivo-comportamentale in cui si tenti di riprodurre simbolicamente una situazione di stress. Le tecniche che in genere vengono usate sono di desensibilizzazione sistematica. In pratica l’obiettivo è esporre la persona gradualmente e lentamente alla situazione di paura e provare insieme al terapeuta a superarla.
Oppure si interviene con un intervento di sostegno e di rassicurazione (il vuoto è mancanza di appoggio e allora si cerca di individuare un elemento che possa dare stabilità emotiva).

In generale, nella cura della fobia del volo ai pazienti viene insegnato ad identificarsi, a sfidare e trovare i pensieri sbagliati per quanto riguarda le situazioni che mettono ansia, in modo da trovare interpretazioni alternative utili a ridurre lo stress e fronteggiare le situazioni di volo. Spesso l’introduzione di un nuovo pensiero positivo, o il tentativo di ridicolizzare la situazione può mitigare la paura.

 

 

CAUSE DELLA PAURA DI VOLARE


Le cause possono essere diverse, si può avere paura:

 


  • degli spazi chiusi (claustrofobia), come quello di un aereo

  • dell'altezza (acrofobia)

  • di non avere il controllo della situazione (fine del topo)

  • delle folle (agorafobia)

  • di esperienze precedenti traumatizzanti accadute in volo (o la perdita di famigliari, amici ecc. in un disastro aereo)

  • di attacchi terroristici

  • delle turbolenze

  • di avere un attacco di panico

  • di volare sull'acqua o di notte


  •  


Ci possono essere vari gradi di intensità nell’aviofobia. Si può passare dal semplice timore, più o meno lieve, dal disagio avvertito prima o durante il volo, al terrore assoluto che impedisce al soggetto di affrontare il volo o che provoca conseguenze molto serie fino alle crisi d'ansia acuta e al panico.

Spesso le persone che soffrono la paura di volare sono predisposte all’ansia anche per altre situazioni. Per questo motivo cercare in generale strumenti che combattono questo stato d’animo aiuta. Quindi puntare su modulare una respirazione lenta, visualizzare scene piacevoli e rassicuranti, rilassarsi aiuta certamente a predisporsi serenamente davanti all’evento di una partenza.

La paura di volare può essere avvertita anche da chi non ha mai volato, bloccandolo fin dalla semplice decisione di prendere l'aereo. Questa situazione rischia di condizionare la vita del giorno d’oggi, dobbiamo quindi cercare di vivere le nostre paure non come ostacoli insormontabili o limiti al nostro stile di vita ma come strumenti per guardarsi dentro e migliorarci.

 

Categorie correlate:

Psiche, psicologia




Emanuela Boldrin
Psicologa e psicoterapeuta
Specialista in ipnosi clinica e psicoterapia dinamica
Si occupa in particolare di disturbi depressivi e di ansia
Opera a Padova e provincia
Cell. 338 7617117
emanuela.boldrin@alice.it

Profilo del medico - Emanuela Boldrin

Nome:
EMANUELA BOLDRIN
Telefono:
338 7617117
Professione:
Psicologo
Occupazione:
Psicologa e psicoterapeuta
Specializzazione:
Psicologia, Ipnosi clinica e psicoterapia dinamica
Contatti/Profili social:
email


Articoli che potrebbero interessarti

Cos'è il sonno e perché dormiamo?

Cos'è il sonno e perché dormiamo?

02/07/2019.   Cos’è il sonno, come è fatto il suo ciclo e perché ogni giorno dedichiamo parte del nostro tempo a dormire? Prima di rispondere a queste domande, cerchiamo di capire perché è importante...

Psiche, psicologia

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X