LENTI A CONTATTO E BAMBINI

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

LENTI A CONTATTO E BAMBINI

09-05-2011 - scritto da siravoduilio

I bambini preferiscono le lenti a contatto

Uno studio condotto dalla Ohio State University su 484 bambini miopi tra gli 8 e gli 11 anni.

I bambini preferiscono le lenti a contatto


I ricercatori, coordinati dal professore Jeffrey J. Walline, hanno analizzato l'impatto delle lenti a contatto e degli occhiali sulla percezione che i bambini hanno di se stessi.Numerose ricerche del genere erano già state effettuate; la novità consiste nell'aver scelto come protagonisti dei bambini. 237 dei bambini che hanno colloborato alla ricerca sono stati selezionati a caso per indossare gli occhiali, mentre gli altri 247 hanno indossato le lenti a contatto morbide per i tre anni della durata dello studio.

Ai bambini che dovevano indossare le lenti a contatto è stata offerta la possibilità di scegliere tra lenti giornaliere e lenti a ricambio bisettimanale: nella stragrande maggioranza dei casi sono state preferite le lenti giornaliere.
Prima di dare il via ai tre anni di osservazione, i ricercatori hanno chiesto ai ragazzini che avrebbero dovuto sostituire gli occhiali con le lenti a contatto, quale rapporto avessero con gli occhiali, mossi dalla convinzione che le lenti a contatto avrebbero migliorato la percezione di sè soprattutto in quei ragazzini che odiano gli occhiali.

Dallo studio è emerso che il tipo di correzione non solo migliora il rapporto dei bambini con il loro aspetto fisico, ma indossare le lenti a contatto aumenta in essi anche la sicurezza nelle loro capacità scolastiche e atletiche. In breve aumenta la loro autostima: si piacciono di più e sono convinti di piacere di più anche ai loro amici. La ricerca inoltre ha dimostrato che non c'è molta differenza tra i bambini che precedentemente non erano contenti del loro aspetto con gli occhiali e quelli che invece li indossavano senza problemi: tutti i bambini hanno tratto giovamento dal passaggio alle lenti.

Generalmente gli oculisti attendono i 10-11 anni prima di prescrivere le prime lenti a contatto anche quando i disturbi alla vista vengono diagnosticati prima di tale età; eppure al giorno d'oggi i bambini possono indossare tranquillamente le lenti a contatto. I materiali morbidi, biocompatibili e permeabili all'ossigeno delle nuove lenti a contatto non hanno controindicazioni nell'uso da parte di bambini, anche al di sotto dei tre anni. È preferibile, comunque, iniziare con delle lenti usa e getta che non necessitano di particolare manutenzione e quindi evitano che il genitore debba preoccuparsi delle operazioni di pulizia quotidiana e al tempo stesso riducono il rischio di infezione da parte dei bambini. Lo studio ha confermato che per bambini e genitori le lenti a contatto giornaliere risultano le più comode. Naturalmente i genitori debbono collaborare nella fase di applicazione e rimozione delle lenti, fino a quando il bambino non abbia raggiunto una discreta manualità.

Il professore Walline consiglia ai genitori di rendere partecipi i bambini nella scelta del tipo di correzione della vista utilizzare: è importante infatti che essi vivano in maniera serena i propri difetti visivi.

Anche i bambini più piccoli, al di sotto dei tre anni, possono trarre vantaggio dall'utilizzo di lenti a contatto. L'idea ormai superata che esse non siano adatte ai bambini nasce dal fatto che le prime lenti a contatto erano rigide, molto piccole e richiedevano un lungo periodo di adattamento.

Con l'avvento delle lenti morbide e lo sviluppo di nuove geometrie e di materiali più sofisticati (biocompatibili, siliconici e permeabili all'ossigeno) si sono ampliate notevolmente le possibilità di utilizzo delle lenti a contatto nella prima e seconda infanzia. In questi casi è naturalmente importante che il bambino venga seguito dal medico oculista, che prescriverà le lenti più idonee e verificherà che vengano osservati regolarmente gli opportuni tempi di sostituzione delle lenti. Per l'utilizzo delle lenti a contatto da parte dei bambini più piccoli (0-3 anni) sarà inoltre fondamentale la collaborazione dei genitori, sia nelle fasi di applicazione e rimozione che per la quotidiana manutenzione delle stesse.

Le lenti a contatto per i bambini con più di sette anni
Dopo i 7 anni d'età, l'occhio del bambino ha ormai assunto una struttura definitiva ed i parametri contattologici sono quindi equivalenti a quelli dell'adulto. Si ritiene che dai 7 anni in poi il bambino sia autonomo nell'applicazione, nella rimozione e nella pulizia delle proprie lenti a contatto.

Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it/
Cell.:3385710585
0 commenti



Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
http://drsiravoduilio.beepworld.it



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X