Menopausa: cure dalla medicina cinese e non

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Menopausa: cure dalla medicina cinese e non

21-10-2013 - scritto da Dott.ssa Laura Moroni

Suggerimenti e rimedi pratici per far fronte ai sintomi che accompagnano la menopausa

In menopausa compaiono disturbi fastidiosi: ecco come combatterli

Menopausa: cure dalla medicina cinese e non Per la Medicina Tradizionale Cinese la menopausa è considerata solo un momento di passaggio ad una altra età, ed è chiamata il "ritorno indietro delle mestruazioni"; i problemi arrivano solo se come donna ti sei troppo consumata nella tua vita e quando non accetti la diminuzione del ritmo, cioè dello yang.

I sintomi più ricorrenti della menopausa sono: irregolarità del flusso, insonnia, secchezza vaginale, diminuzione del desiderio, capogiri e ronzii, calore e sudorazione, irritabilità ed irascibilità, ansia ed insicurezza, edema agli occhi, ginocchia e lombi deboli, stancabilità, urine più frequenti e feci non formate.

La strategia della medicina naturale in genere è quella di interrompere il circuito di indebolimento progressivo operando alcuni cambiamenti di vita che favoriscano l’equilibrio dei reni e lo stato generale degli altri organi, specie quelli legati alle funzioni digestive, perché rappresentano l’unica fonte per formare energia non partendo solo da noi stessi.

Ecco allora tutti i suggerimenti e i rimedi pratici per far fronte ai sintomi che accompagnano la menopausa.

Premenopausa
Lo stesso termine ci ricorda che stiamo attraversando una fase preparatoria della menopausa. Durante il “passaggio” si manifestano variazioni del ritmo, durata e quantità delle mestruazioni. Compaiono disagi e disturbi completamente “nuovi”.

Aiutiamo il corpo somministrando:

1) Vitamine E e B6: dosaggio a seconda del prodotto, seguire il consiglio per dose giornaliera
2) Zinco-rame oligoelemento: 1 fiala 3 volte alla settimana per 4 mesi

Vampate di calore
Le famose "scalmane" sono un sintomo classico della menopausa. Dovute alla riduzione di estrogeni, si manifestano con improvviso calore che sale fino al viso. La pelle si arrossa e tutto il corpo viene coinvolto da una sudorazione eccessiva. L’intensità e la frequenza variano da donna a donna. L’insorgere improvviso di una vampata in pubblico è motivo di disagio per la donna.

Si consiglia di assumere:
Al mattino
1) Salvia: in tintura madre 30 gtt
2) Biancospino: in tintura madre 50 gtt
3) Ginseng: 1 compressa
4) Olio di Oenothera: 2 perle
Nel pomeriggio1) Digitopressione: massaggiare e premere il punto 1 Rene (si trova sulla pianta del piede, nella fossetta che si forma nella parte superiore flettendo in basso le dita)

Alla sera

1) Salvia: in tintura madre 30 gtt
Si può completare la terapia con l’assunzione di vitamine C+E+B6+D+Calcio e Magnesio seguendo i dosaggi consigliati

Disturbi del sonno
La qualità e il ritmo del sonno possono essere compromessi da difficoltà ad addormentarsi, da interruzioni durante la notte come pure da risvegli precoci al mattino.

Si consiglia di assumere:

1) Manganese-cobalto oligoelemento: 1 fialoide 3 volte alla settimana al mattino a digiuno

Alla sera si consiglia di cucinare pasti a base di carboidrati: patate, riso o fiocchi di avena in minestra, polenta. Il triptofano contenuto nei carboidrati forma serotonina che concilia il sonno.

Variazioni dell’umore
Un’altra costante della menopausa sono gli “sbalzi” di umore. Possono manifestarsi come ansia o apprensione o irritabilità.

In questo caso assumere (2 volta alla settimana, alternati):
1) Zinco-Rame oligoelemento: una volta
2) Manganese-cobalto oligoelemento: una volta

Le variazioni dell'umore possono manifestarsi anche con depressione, malinconia o “abbattimento”.

In questo caso assumere (1 volta alla settimana):

1) Rame-oro-argento: 1 fialoide
2) Zinco-rame: 1 fialoide (da assumere insieme al fialoide precedente)
3) Litio: 1 fialoide, 3 volte a settimana

Il cibo “giusto” in menopausa
Si dovrebbe privilegiare il gusto salato. Si andrà così a tonificare il rene dell’energetica, l’organo che va in deficit in menopausa.

Ecco un esempio di menu giornaliero:

Colazione
Fiocchi di cereali (riso,mais,orzo), con latte di soia o succo di frutta, bene di mela
Castagne in stagione
Bere a piacere the,caffè o tisane di malva con miele

Pranzo
2 volte alla settimana molluschi,
1 volta rognone di maiale e anche maiale,che è carne magra, da alternare al pesce azzurro
Accompagnare con olive e salsa di soia

Cena
molto riso oppure pasta di riso da preparare con i legumi lenticchie, soia e fagioli

Verdure: crauti, cavoli, lattuga e funghi da usarsi sia a pranzo che a cena.

Insonnia: un consiglio dietetico
Friggere 20 grammi di grano fino a dorarlo, unire 5 gr di liquirizia e 10 datteri rossi. Far bollire gli ingredienti in acqua a fuoco lento. Per il tempo necessario a ridurre a metà il liquido. Da bere come un brodo.

Ipertensione: un consiglio dietetico
Mangiare al mattino 1-2 pomodori freschi a stomaco vuoto per 15 giorni consecutivi. Ripetere il ciclo ogni tanto, aiuta anche nella stitichezza!

Respirazione e posture
1) Sedute, schiena diritta, piante dei piedi a contatto, aperto il petto, tenere i piedi con le gambe e flettere la schiena in avanti tenendola dritta,tenere contando fino a 6 e ripetere 3 volte. Questo esercizio fa lavorare gambe, piedi, caviglie, ginocchia e fianchi. Mobilizza la zona pelvica e sacrale

2) Sedute con le gambe piegate, i piedi incrociati, portare le ginocchia a destra e posare la caviglia del piede destro su arco piede sinistro, portare le mani a destra, mantenendo il busto eretto, portarle dietro senza sforzare e girare la vita, le spalle e il collo come se si volesse vedere qualcosa dietro la schiena, rimanere contando fino a 6 e ripetere a sinistra. Questo esercizio allenta la tensione del collo, delle spalle e della colonna vertebrale. Fa lavorare gli addominali obliqui esterni

3) Sedute con le gambe incrociate e la schiena diritta mani appoggiate sulle ginocchia, ora stringere in basso, zona pelvica, come se “ci scappasse tantissimo la pipì” far salire questa contrazione fino all'ombelico, e poi trattenere 4 tempi, rilasciare partendo dall'ombelico fino in fondo, ripetere 4 volte. Questo esercizio rafforza tutta la zona pelvica, previene prolassi o perdite di urina

I benefici della doccia scozzese
Alternare getti di acqua ghiacciata a getti di acqua calda. Si parte dal viso, poi si tratta la gamba destra, procedendo dal piede all’anca, successivamente si passa al braccio destro, dalla mano alla spalla. Si passa poi alla schiena e dalla schiena si torna sul braccio sinistro e sulla gamba sinistra, questa volta procedendo in senso opposto. L’acqua calda produce vasodilatazione, quella fredda la vasocostrizione: la pelle così sollecitata diventa più elastica e soda.

Dott.ssa Laura Moroni
Medico chirurgo-agopuntrice
www.lauramoroni.com
www.facebook.com/Dietetica-cinese



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X