Pesce azzurro: quale, quando, e perché

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Pesce azzurro: quale, quando, e perché

04-07-2013 - scritto da Paola Perria

Ricchissimo di proteine e di omega 3, il pesce azzurro del Mediterraneo è una vera miniera di salute. Conosciamolo!

Virtù del pesce azzurro

Pesce azzurro: quale, quando, e perché Secondo le ultime linee guida dei nutrizionisti, dovremmo aumentare il consumo di pesce arrivando fino e 3-4 porzioni alla settimana, una quota ottimale sia per i bambini che per gli adulti. L'Italia è un Paese dalle grandi tradizioni ittio-gastronomiche, e tuttavia il consumo pro-capite di pesci è decisamente al di sotto di quanto consigliato e, anzi, complice la crisi economica che ci attanaglia dal 2010, l'acquisto di pesce fresco non fa che calare. Nelle famiglie dello Stivale non si apprezza più un buon piatto di specialità ittiche?

E' tutta una questione di costi, oppure di abitudini alimentari? Un po' entrambi i fattori giocano un ruolo cruciale. Il pesce surgelato è una valida alternativa, ma certo mangiare un piatto di bastoncini di merluzzo impanati e fritti non è esattamente lo stesso che gustarci un branzino freschissimo cotto velocemente in padella con contorno di olive e pomodorini. Sia dal punto di vista nutrizionale che da quello del gusto, le due pietanze non sono sovrapponibili.

Il problema è che per mangiare il pesce bisogna conoscerlo, e per conoscerlo bisognerebbe andare ad acquistarlo in pescheria, o al mercato ittico, da un rivenditore di fiducia. Cosa che non tutti possono fare, sia per ragioni economiche, che di tempo o di appartenenza geografica. Esiste, però, un tipo di pesce che può rappresentare davvero una soluzione ottimale per tutti, perché è poco costoso, è gustoso, si cucina facilmente e lo troviamo facilmente anche conservato. Parliamo del pesce azzurro del Mediterraneo, una miniera di proteine e di acidi grassi omega 3, potenti sostanze antiossidanti benefiche per il cuore, anti tumorali e protettive del sistema nervoso. Vediamo di conoscere le varietà più comuni:

  • Sardine o sarde
  • Alici o acciughe
  • Ricciole
  • Pesce sciabola
  • Sgombri
  • Aguglia
  • Lanzardo
  • Suro o sugherello
A questi pesci di piccola pezzatura, tutti gustosissimi e adatti ad una cucina veloce, si uniscono i grandi predatori del mare come il tonno, la verdesca e il pesce spada, il cui consumo, però dovrebbe essere meno frequente per via della possibile contaminazione delle loro carni da metalli pesanti e tossici come il mercurio. Le proprietà nutritive, il contenuto in minerali (ferro, fosforo, potassio, selenio), in proteine nobili e in grassi omega 3 si mantengono anche nel prodotto conservato sotto sale o sottolio. Attenzione solo ai livelli di sodio e ai grassi aggiunti. Per il resto, via libera al pesce azzurro tutto l'anno!

A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X