Sfida per allergici ai fornelli: sostituire l'uovo. Ecco come

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sfida per allergici ai fornelli: sostituire l'uovo. Ecco come

21-02-2014 - scritto da Patrizia Frattini

Ecco una serie di ingredienti alternativi all'uovo che gli allergici possono utilizzare per le loro ricette

Per scegliere il sostituto perfetto è bene conoscere quale funzione svolge l'uovo nella ricetta: legante o lievitante?

Sfida per allergici ai fornelli: sostituire l'uovo. Ecco come Uova nella pasta fatta in casa, uova nelle torte, nelle salse, nelle polpette, nei biscotti: sembra proprio che senza l'uovo non si possa cucinare granché. Un problema, questo, che per chi è affetto da allergia all'uovo diventa un vero e prorio slalom tra le ricette, scartando tutte quelle che contengono l'odiato alimento e limitando la propria fantasia e golosità.

Ci sono però alcuni metodi "furbi" per sostituire le uova in cucina ed ottenere comunque dei risultati da chef. Tanti utili trucchi vengono svelati soprattutto da chi ha familiarità con la cucina vegana, che come si sa esclude qualsiasi impiego di alimenti di origine animale e che dunque richiede una discreta esperienza nel sostuire un gran numero di ingredienti presenti nelle ricette tradizionali.

Prima di passare ad elencare i validi sostituti dell'uovo in cucina è bene sapere che per scegliere quello perfetto occorre prima domandarsi a quale scopo l'uovo è presente nella ricetta. Generalmente, l'uovo viene incluso nelle ricette o per agire come legante degli altri ingredienti oppure per facilitare la lievitazione.

Nel caso si tratti quindi di ricette che prevedono una lievitazione è possibile aggiungere, al posto delle uova richieste, i seguenti ingredienti:

  • la punta di 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 3/4 di cucchiaino di bicarbonato
  • meno di 1 cucchiaio di aceto di mele (perfetto nel caso di torte al cioccolato)
  • farina autolievitante, molto utile, per esempio, nella preparazione dei dolci
  • 4 grammi di cremor tartaro (un agente lievitante naturale, che si può trovare al supermercato) con l'aggiunta di 3 grammi di bicarbonato

In generale, l'uovo può essere agevolmente sostituito con:


  • mezza banana matura (nei dolci) ben schiacciata
  • circa 40 grammi di yogurt
  • circa 40 grammi di mela grattuggiata
  • 1 cucchiaio di aceto di mele
  • 2 cucchiai di latte di soia in polvere mescolato con 2 cucchiai di acqua (dove 1 cucchiaio corrisponde a circa 10 grammi)
  • 2 cucchiai di amido di mais, farina di ceci o fecola di patate
  • patate lesse (particolarmente adatte nelle ricette salate)

Per dare un bell'aspetto lucido alla superficie dei preparati cotti in forno inoltre è possibile spennellare con latte di soia oppure con un mix di acqua e malto.

Infine, forse non tutti sanno che sul mercato sono presenti prodotti sostitutivi dell'uovo già confezionati e pronti all'uso (generalmente hanno nomi evocativi come No Egg o Ener-g).

Le alternative, insomma, sono moltissime e non è difficile reperire nemmeno utili ricettari per avere nuove idee. Come detto, le maggiori informazioni arrivano dal mondo vegan ma anche chi non desidera abbracciare in toto le regole vegane può trovare utili consigli, da integrare poi con creatività e fantasia anche con ingredienti aggiuntivi. Infine, occorrerà sperimentare e trovare il sostituto che ci garantisce i risultati migliori per ogni ricetta. Ai fornelli dunque! E se vi siete trovati bene con altri sostituti dell'uovo condividete la vostra esperienza e suggeriteceli!

Foto: Flickr.com

A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X