Stitichezza in gravidanza, cosa fare?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Stitichezza in gravidanza, cosa fare?

24-09-2014 - scritto da Cinzia Iannaccio

Rimedi immediati per la stitichezza durante la gravidanza

Costipazione in gravidanza, cosa si può prendere?

Stitichezza in gravidanza, cosa fare? Stitichezza in gravidanza? Niente di più comune e, oserei dire…fisiologico: colpisce almeno la metà delle donne incinte ed è dovuta ad una serie di cambiamenti, fisici ed ormonali.

Si può manifestare da subito o subentrare nei mesi successivi al primo trimestre, anche a causa dell’ostruzione involontaria (un vero e proprio ingombro) che l’utero ed il bambino fanno sugli altri organi ed apparati presenti nell’addome. In più gli ormoni in circolo favoriscono un certo rilassamento muscolare, e se si assume ferro la situazione non può che peggiorare. Ma cosa fare?

Il primo passo è quello di idratarsi a sufficienza, ovvero di bere abbastanza acqua ogni giorno. Questo aiuta ad ammorbidire le feci in caso di stipsi, sempre ed anche in gravidanza. Lo stesso dicasi per una dieta ricca di fibre (frutta, verdura, cereali....prugne e kiwi a volontà). Importante è anche cercare di fare un minimo di attività motoria ogni giorno. Questi elencati sono decisamente i rimedi naturali più efficaci contro la costipazione!

Se questi non bastano, ci si può rivolgere al proprio ginecologo per un consiglio circa i farmaci da utilizzare: la maggioranza sono da banco, ma questo non significa il fai da te, è inutile che ve lo dica io, lo sapete già!

Quali soluzioni potreste trovarvi di fronte?

Il minor rischio ed il maggior beneficio, in caso di stipsi ostinata in gravidanza si può avere con i cosiddetti lassativi che formano massa (psyllium, agar, metilcellulosa, carbossicellulosa), seguiti da quelli osmotici come il lattulosio o il macrogol. Tutti necessitano una importante assunzione di acqua. Da evitare quelli cosiddetti antrachinonici come la senna, l’aloe o il rabarbaro, tenendo comunque presente che tutti i lassativi possono indurre a delle contrazioni uterine. Per tali motivi non si può prescindere dal parlarne col proprio medico.

Foto Flickr

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X