Super carciofi di salute

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Super carciofi di salute

16-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

I malanni di stagione mandano in tilt la flora batterica. Per riequilibrarla una vera novità: gli ortobiotici

In arrivo gli ortobiotici, gli ortaggi probiotici pronti per l’uso

24/09/2007 - E alla fine… è arrivato anche l’autunno. Tra poco comincerà a fare freddo, qualcuno inaugurerà l’era dei raffreddori e dell’influenza mentre altri hanno già cominciato a soffrire dei tipici malesseri del cambio di stagione. Per affrontare al meglio l’arrivo dei mesi più rigidi, come sempre dobbiamo puntare tutto sull’alimentazione e fare incetta delle sostanze in grado di rafforzare le nostre difese immunitarie.
Sapete dov’è concentrata la maggior parte delle cellule del nostro sistema immunitario? Nell’intestino. E’ lì che vengono trasformati e assorbiti i principi nutritivi dei cibi che ingeriamo: meglio lui lavora, meno noi rischiamo di far circolare nel nostro organismo sostanze nocive. E’ dunque lì che dobbiamo “lavorare”, per combattere i batteri cattivi responsabili di infiammazioni, diarrea e gonfiori e per stimolare la produzione di quelli buoni, indispensabili per la nostra salute.
Per ripristinare la flora batterica intestinale l’ideale è assumere la giusta quantità di fermenti lattici, ogni giorno: li troviamo nel latte, nello yogurt e nei formaggi, tuttavia la dieta quotidiana difficilmente è in grado di soddisfare le nostre esigenze fisiologiche. Ecco allora giustificato il ricorso all’integrazione di fermenti lattici vivi: le soluzioni variano da latte, formaggi e yogurt arricchiti di probiotici (microrganismi capaci di passare indenni la fase della digestione e di proliferare nell’intestino) agli integratori alimentari in capsule o flaconcini (più ricchi sono, meglio è: in linea di massima preferire quelli contenenti oltre un miliardo di cellule, la quantità minima indispensabile perché l’organismo ne abbia un beneficio).
La vera novità è però rappresentata dagli ortaggi probiotici pronti per l’uso, presto in arrivo sui banchi gastronomia del supermercato. Sono stati ribattezzati “ortobiotici” e sono meno propensi dei derivati del latte a provocare allergie o intolleranze. Per ora stiamo parlando dei carciofi, ma il processo è applicabile anche alla cicoria, alla cipolla, ai funghi e alle olive.
Ricchi di calcio, fosforo, ferro, sodio, potassio e vitamine, questi speciali carciofi sono stati realizzati e brevettati dall’Istituto di scienze delle produzioni alimentari (Ispa) del Cnr di Bari. Per ottenerli sono stati utilizzati due microrganismi selezionati in laboratorio che restano vivi e vitali per almeno tre mesi a temperatura ambiente. Secondo i ricercatori ne basteranno due al giorno per introdurre circa un miliardo di cellule, riequilibrare la flora batterica e contrastare i principali disturbi gastro-intestinali. Inoltre, assicurano gli studiosi, il minimo trattamento termico necessario per la preparazione non altera gli elevati contenuti in fibra alimentare, nutrienti e antiossidanti presenti nel carciofo. Anche il sapore, l’aspetto e la consistenza restano inalterati, per un consumo gustoso e un pieno di salute.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X