Allergia al lattice: diagnosi e terapia

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergia al lattice: diagnosi e terapia

06-05-2016 - scritto da Viviana Vischi

Sebbene non esista una cura definitiva per l'allergia al lattice, è possibile diminuire il rischio di reazione allergica, attraverso buone norme di prevenzione.

Come diagnosticare un’allergia al lattice e come gestirla al meglio.

Allergia al lattice: diagnosi e terapia

Per scoprire se si è affetti da allergia al lattice è consigliabile recarsi da un medico, meglio se un allergologo. La diagnosi viene formulata attraverso una prima visita in cui il medico porrà delle domande dettagliate su eventuali sintomi comparsi in passato e sulla predisposizione alle allergie, soprattutto per gli alimenti, e se necessario, attraverso alcuni test specifici.

Per avere la certezza della presenza di allergia al lattice, il medico potrebbe prescrivere i seguenti test:

  • Prick test: è un test cutaneo in cui una piccola quantità di proteine del lattice viene messa a contatto con la cute del braccio e si osserva una reazione cutanea. Il prick test è il test più sensibile e il più usato
  • Esame delle IgE (RAST): mediante un prelievo di sangue viene misurata la presenza di anticorpi IgE specifici contro il lattice. Questi anticorpi vengono prodotti dal sistema immunitario in seguito al contatto con il lattice nelle persone allergiche. La sensibilità di questo test è variabile e la quantità di IgE non è correlata ai sintomi osservati. Inoltre, in soggetti molto allergici possono emergere dei risultati falsi positivi

Le persone a elevato rischio di allergia al lattice, dovrebbero effettuare i test prima di qualsiasi operazione chirurgica, per scongiurare eventuali reazioni allergiche anche fatali.

Quando una persona scopre di avere l’allergia al lattice deve essere consapevole che non esiste una cura definitiva che possa eliminare questa condizione. Tuttavia, è possibile diminuire il rischio di reazione allergica, evitando il contatto diretto con il lattice e, quindi, con tutti gli oggetti che sono realizzati con questo materiale.

In caso di contatto, i sintomi lievi possono essere trattati con antiinfiammatori locali quali creme oppure per bocca, mentre per sintomi più gravi come lo shock anafilattico è necessario un intervento medico.

Come buona norma di prevenzione, è importante individuare quali oggetti quotidiani contengono lattice e cercare di sostituirli con altri che non lo contengono. Chi è esposto in ambito lavorativo, ad esempio chi lavora in strutture sanitarie, deve comunicare ai datori di lavoro e ai colleghi la propria allergia al lattice e utilizzare guanti, o altri strumenti, privi di lattice.

In caso di allergia al lattice molto grave è consigliabile segnalare l’allergia su un oggetto che portiamo sempre con noi, come ad esempio un braccialetto o con documenti nel portafoglio, in modo da avvisare il personale sanitario in caso di emergenza.

E’ anche utile portare sempre con sé una penna con adrenalina auto-iniettabile da utilizzare in caso di contatto accidentale e shock anafilattico. 

Categorie correlate:

Allergia e salute




A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X