Antiossidanti: come contrastano lo stress ossidativo?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Antiossidanti: come contrastano lo stress ossidativo?

13-06-2017 - scritto da Redazione

Gli antiossidanti interrompono la catena di produzione dei radicali liberi, responsabili di numerose malattie croniche come tumore, diabete e perdita della vista

Troppi radicali liberi causano stress ossidativo.

Antiossidanti: come contrastano lo stress ossidativo?

L’ossigeno è una sostanza paradossale: non possiamo vivere senza ma, allo stesso tempo, è tra i responsabili dell’invecchiamento precoce e di alcune malattie. E tutto a causa dei radicali liberi!

 

COSA SONO I RADICALI LIBERI?

Quando una molecola di ossigeno incontra un’altra sostanza nell’organismo, reagisce con essa modificando la parte più esterna della sua struttura. Le sostanze così modificate diventano “radicali liberi dell’ossigeno” (ROS), cioè molecole instabili ed altamente reattive che tenderanno ad attaccare altre strutture dell’organismo, alterando la loro funzione naturale.  

I radicali liberi vengono normalmente prodotti durante alcuni processi fisiologici come la respirazione, le reazioni enzimatiche ed immunitarie, ma si possono formare anche attraverso l’azione di agenti esterni come il fumo di sigaretta, la luce ultravioletta, gli inquinanti ambientali e lo stress.

I più noti radicali liberi sono:

  • l’anione superossido (O2-), il più diffuso;
  • Il radicale idrossilico (·OH), presente nell’atmosfera e nell’organismo;
  • Le specie reattive dell’azoto (NOS), come il monossido di azoto (NO), che reagisce spontaneamente con l’ossigeno a dare il biossido di azoto (NO2), che è presente in elevate quantità nel fumo di sigaretta. Sono i due maggiori inquinanti atmosferici!

 

COME FUNZIONANO GLI ANTIOSSIDANTI?

Si definiscono “antiossidanti” tutte le sostanze che sono in grado di contrastare l’azione nociva dei radicali liberi. In che modo? Gli antiossidanti possono prevenire la formazione di queste sostanze reattive, oppure possono trasformarle in sostanze meno instabili. Così facendo, si viene ad interrompere la catena di eventi che porta alla produzione di un eccesso di radicali liberi e al tanto temuto stress ossidativo.

Così come i radicali liberi si formano spontaneamente nel nostro organismo, anche gli antiossidanti vengono prodotti naturalmente. Negli anni ’90, gli antiossidanti hanno raggiunto la notorietà grazie alla ricerca scientifica che ha iniziato a notare un legame tra radicali liberi e numerose malattie croniche come tumore, diabete e perdita della vista.

 

IL POTERE ANTIOSSIDANTE STA NEL GIOCO DI SQUADRA

L’uomo ha sviluppato un sistema complesso e altamente sofisticato di protezione antiossidante in grado di difendere l’organismo dai radicali liberi e dallo stress ossidativo.

I componenti della squadra antiossidante possono essere sostanze prodotte dall’organismo, assunte con gli alimenti o attraverso integratori alimentari.

Glutatione perossidasi, catalasi e superossido-dismutasi, ad esempio, sono tre antiossidanti prodotti dall’organismo che, per poter svolgere un’azione ottimale di protezione contro i radicali liberi, hanno bisogno di micronutrienti come selenio, ferro, rame, zinco e manganese. Se questi micronutrienti scarseggiano, a causa di una dieta inadeguata o al mancato assorbimento dovuto all’età, può venire meno l’efficacia difensiva di questi tre antiossidanti. Il glutatione interagisce anche con la vitamina C per fortificare l’un l’altro la loro azione contro i radicali liberi grazie al gioco di squadra.  

Vitamina C-E e beta-carotene sono tra gli antiossidanti più studiati. La vitamina C è l’antiossidante idrosolubile più importante, presente nei tessuti corporei, in grado di bloccare l’attacco dei radicali liberi ai lipidi delle membrane cellulari. La vitamina E, al contrario, è il principale antiossidante liposolubile e protegge gli acidi grassi delle membrane dall’ossidazione. 

L’acido alfa-lipoico è un altro antiossidante endogeno importante definito “universale”, perché è capace di interagire con i radicali liberi presenti sia sulle membrane delle cellule che liberi negli spazi acquosi. 

 

Tutti questi antiossidanti sono importanti per la salute degli occhi e quella in generale, assicurati di assumere ogni giorno queste sostanze nella quantità corretta a contrastare lo sviluppo di disturbi della vista … non lasciarne nessuno in panchina!

 

Leggi anche:



La Redazione di Forumsalute
ForumSalute: Salute, Benessere, Medicina, Gravidanza, Test
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X