Calcoli alla cistifellea, cosa mangiare

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Calcoli alla cistifellea, cosa mangiare

03-04-2015 - scritto da Paola Perria

I calcoli alla cistifellea possono avere conseguenze serie sulla salute. Ecco la dieta da seguire per prevenirli e alleviarli.

Come combattere i calcoli alla cistifellea con l’alimentazione.

Calcoli alla cistifellea, cosa mangiare

I calcoli alla cistifellea sono una delle forme di litiasi più diffuse. La formazione dei “sassolini” all’interno di quel piccolo organo a forma di sacchetto che è la colecisti (altro nome della cistifellea) può avere diverse cause, ma non c’è dubbio che sia soprattutto il tipo di alimentazione che seguiamo ad aumentare o ridurre il rischio. Per capire le origini del disturbo, dobbiamo considerare che la colecisti, che è collegata attraverso i dotti biliari sia al fegato che al pancreas che al duodeno (la prima parte dell’intestino tenue), ha come unico scopo quello di fungere da riserva della bile.

Quest’ultima è una sostanza giallo-verdastra, piuttosto densa e vischiosa, che viene prodotta dal fegato e che serve per il metabolismo dei lipidi, o grassi, alimentari, tra cui il colesterolo, e delle vitamine liposolubili. La bile, che a sua volta è composta da acidi biliari e da bilirubina (sostanza di scarto derivata dalla degradazione dei globuli rossi “vecchi”), talvolta tende a cristallizzarsi all’interno della colecisti, formando calcoli che possono essere microscopici oppure di dimensioni più importanti.

In questo secondo caso possono diventare sintomatici e produrre una serie di disturbi più o meno intensi tra cui:

  • senso di pesantezza in fase digestiva
  • dolore e bruciori localizzati nella parte superiore dell’addome, verso destra, che insorgono dopo aver mangiato
  • eruttazioni frequenti
  • talvolta senso di nausea, raramente vomito

 

Le coliche biliari possono poi essere molto dolorose e soprattutto avere delle conseguenze serie sulla salute, perché quando un calcolo ostruisce uno dei dotti, soprattutto quello che collega la cistifellea con il duodeno, la bile può entrare in circolo nel sangue e provocare:

  • ittero (colorazione gialla della pelle e delle mucose)
  • urine color caffè
  • conseguenza ancora più seria di una calcolosi biliare è la pancreatite acuta, determinata da un’infiammazione del dotto che collega la colecisti con il pancreas

I sintomi di una colica biliare sono abbastanza intensi: dolore crampiforme, a tratti acuto che si irradia dal centro del diaframma, poco sotto lo sterno, a tutta la parte superiore destra dell’addome fino alla regione retrostante della schiena.

Che fare in questi casi? Riposo e dieta semiliquida sono le prime cure, ma è soprattutto importante il ruolo dell’alimentazione nella prevenzione dei calcoli alla cistifellea nei soggetti predisposti. Persone che seguono una dieta tropo ricca di grassi animali, ancor più se in sovrappeso, sono decisamente più a rischio, ma attenzione anche alle bevande zuccherate (anche artificialmente) e arricchite di anidride carbonica, alle cole e agli energy drinks.

Altri cibi da limitare (non eliminare ma consumare con estrema moderazione), sono:

  • Carni grasse e pesci grassi, inclusi salumi, insaccati e interiora. Da evitare o limitare a qualche saltuaria occasione le cotture prolungate come stufati e brasati, e le fritture
  • Formaggi grassi e fermentati, latte intero, burro
  • Uova
  • Frutta secca (sia in guscio che non)
  • Olive
  • Avocado
  • Salse grasse industriali, dolci cremosi al cucchiaio e gelati

 

Veniamo, invece, ai cibi amici della cistifellea, che ci aiutano a mantenere la bile ben fluida:

  • Cereali e derivati sia bianchi che integrali (pasta, riso, pane, fette biscottate e biscotti, cereali in fiocchi)
  • Frutta e verdura fresche sia crude che cotte
  • Ortaggi come patate, carote e zucchine
  • Salumi magri, ad esempio il prosciutto crudo senza grasso e  la bresaola
  • Yogurt
  • Carne magra, meglio se bianca (ad esempio pollo senza la pelle, coniglio e tacchino)

 

Per quanto riguarda le bevande, a parte il divieto di consumare quelle gassate e dolcificate, è bene anche non esagerare con quelle eccitanti e con gli alcolici, mentre l’acqua va bevuta in abbondanza ma a piccoli sorsi, soprattutto a digiuno e nella prima parte della giornata.

Infine, onde aiutare il processo metabolico e digestivo, è meglio evitare di consumare pasti troppo abbonanti a distanza di molte ore l’uno dall’altro. Meglio concedersi degli spuntini leggeri (magari a base di frutta fresca) tra i pasti principali, e non restare mai troppo a lungo a stomaco vuoto.



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X