ForumSalute

Come reagiamo allo stress?

Come reagiamo allo stress?

19-02-2015 - scritto da patriziafazio

Capacità di adattamento e resistenza allo stress sono diversi in ognuno di noi. L'importanza di imparare ad ascoltare i sintomi fisici e capire cosa vogliono dirci.

Imparare a gestire stress ed emozioni negative è la strada per il benessere.

Come reagiamo allo stress?

Come avevo già avuto modo di spiegare in un precedente articolo, esiste una stretta relazione tra mente e corpo, emozioni negative e organi. Ogni  emozione negativa arriva dalla mente al corpo, si ferma su uno o più organi ed anche alla sua struttura scheletrica. Quali organi vanno a colpire le emozioni negative? Per rispondere a questa domanda bisogna tener conto del fatto che ogni persona ha una sua struttura caratteriale, dunque la reazione allo stress è diversa in ciascuno. Ognuno di noi ha infatti un’emozione predominante, proviamo a fare ordine.

  • La persona Rabbia è quella persona che reagisce allo stress con la rabbia. Può esprimerla, farla esplodere, o anche reprimerla. In ogni caso, nella persona Rabbia le emozioni negative e lo stress hanno come organi bersaglio fegato-cistifellea-cuore. Non a caso, nel linguaggio comune si dice che "mi sono tanto arrabbiato che mi si è fatto il fegato grosso".
  • La persona Paura ferma invece le sue emozioni negative sul rene, soffre di ritenzione idrica, a volte la mattina mettendo i piedi a terra sente come delle punture di spilli, potrebbe soffrire anche di allergie, riniti, ha necessità di spazi aperti.
  • Infine, la persona Ansia somatizza le emozioni negative su stomaco e pancreas. Nello stomaco, in particolare, si raccolgono le tensioni riguardanti il rapporto con gli altri.

Portate alle estreme conseguenze la persona Paura e la persona Ansia possono arrivare alla depressione.

 

Capacità di adattamento e resistenza allo stress sono diversi in ognuno di noi, ma in ogni caso è importante imparare ad ascoltare i sintomi fisici che le emozioni scatenano nel nostro organismo e capire cosa vogliono dirci. Cos'è un sintomo? E’ la manifestazione di un conflitto che non sappiamo gestire. Pensiamo dunque al nostro sintomo e poniamoci qualche domanda: quando si è manifestato, che cosa stavamo vivendo nella nostra vita? Oppure torna periodicamente quando accade che…?

  • La sciatica ad esempio, o il famoso “mi sono bloccato”, ci dice che non sappiamo come andare avanti.
  • Le persone che spesso cadono o sono vittime di distorsioni di caviglia sono dei sognatori, il loro contatto con la realtà è difficile.
  • Il dolore cervicale è il campanello d'allarme che siamo arrabbiati o sentiamo il peso del mondo sul collo.
  • Quando si soffre di reflusso gastro-esofageo è segno che proprio non si riesce a mandar giù qualcosa: lo stomaco è infatti l’eco della vita sociale, delle relazioni con gli altri.
  • Dolore alla spalla o al gomito possono significare che non sappiamo che decisione prendere.
  • er quanto riguarda i bambini, sappiamo che apprendono tutto dai genitori, sono come delle spugne che assorbono tutto. Molti pediatri, oggi, ammettono che il famoso reflusso gastro-esofageo dei primi mesi di vita è il risultato delle ansie genitoriali.

 

​Potrei andare avanti all'infinito... Ma come migliorare tutto questo? Il sentiero della consapevolezza è la risposta. Imparare a gestire le proprie emozioni, soprattutto quelle negative, è importante per il benessere psico-fisico. Non tutti sono in grado di farlo. A queste persone sono dedicati i nostri seminari, all'interno dei quali si parla di emozioni, di rabbia in particolare, e dei loro effetti sulla salute e sulla qualità della vita. L'obiettivo dei seminari è imparare a gestirle attraverso tecniche corporee e cognitivo-comportamentali per vivere più liberi.




Patrizia Fazio
Osteopata
www.osteopatiafazio.it

Profilo del medico - patriziafazio

Nome:
Patrizia Fazio
Comune:
Napoli
Occupazione:
Osteopata D.O.operante a Napoli e Roma
Specializzazione:
Fisioterapia, Osteopata D.O.
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Come dormire bene quando cambia l’ora

Come dormire bene quando cambia l’ora

Altro che “buonanotte e sogni d’oro”, nei cambi di stagione e soprattutto in concomitanza con il cambio dell’ora (da solare a legale, e viceversa), per tanti di noi la notte si trasforma in un tempo da spendere...

17/10/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X