Convulsioni febbrili semplici nei bambini, cause e conseguenze

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Convulsioni febbrili semplici nei bambini, cause e conseguenze

14-03-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Falsi miti circa le cause e le conseguenze delle convulsioni febbrili

Convulsioni febbrili semplici nei bambini: i timori, spesso ingiustificati, dei genitori

Convulsioni febbrili semplici nei bambini, cause e conseguenze Può capitare, soprattutto nei bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 5 anni, che in caso di febbre alta si sviluppino delle convulsioni. Sono spaventose, soprattutto per la mamma e il papà che non sanno cosa fare per risolvere la situazione. In genere comunque le convulsioni febbrili semplici nei bambini durano pochi minuti e poi tutto passa. Non comportano conseguenze, anche se al riguardo ci sono molti falsi miti e ansie. Tra le cause, l’innalzamento troppo rapido della temperatura corporea nei bambini con predisposizione genetica (e dunque familiarità), benché non si sia ancora arrivati a comprendere bene il meccanismo scatenante la convulsione.

Queste convulsioni febbrili semplici (che durano pochi minuti e non si ripresentano nell’arco delle 24 ore) non comportano rischi o danni per il bambino, se accudito adeguatamente nella fase critica. Nel tempo si sono sviluppati numerosi falsi miti circa le conseguenze per i bambini delle convulsioni in caso di febbre: il primo ed il più difficile da eradicare a detta dei pediatri è sicuramente quello che afferma che tali attacchi possano provocare una meningite. In realtà così non è, ma è piuttosto possibile in contrario: la meningite, comportando una febbre alta può portare a convulsioni febbrili.

L’altro grande timore riguarda l’epilessia: scientificamente parlando non è stato dimostrato che la convulsione possa sviluppare come conseguenza diretta l’epilessia nei bambini, anche se in tal caso l’ipotesi ha una base reale: l’incidenza di epilessia in questi piccoli pazienti è dell’1,5% rispetto allo 0,5% della popolazione generale. Cifre minime, e che non confermano un reale rapporto di causa ed effetto, se non forse di una matrice causale unica.

Infine c’è il discorso delle vaccinazioni: qualunque sia l’opinione al riguardo, va detto che uno o più episodi di convulsioni febbrili non rappresentano una controindicazione alle varie vaccinazioni dell’infanzia. Anzi, queste possono provocare una lieve febbre, ma mai abbastanza alta da scatenare una crisi convulsiva, cosa che invece potrebbe fare una malattia come il morbillo che supera i 40°.

Foto: Pniok77


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X