Farro, un signor cereale: proprietà e ricette

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Farro, un signor cereale: proprietà e ricette

25-07-2013 - scritto da Paola Perria

Il farro è un cereale nutriente ma meno calorico del frumento. Vediamo come cucinarlo

Il farro, un cereale da riscoprire

Farro, un signor cereale: proprietà e ricette

Il farro è stato a lungo ingiustamente trascurato e sottovalutato perché “povero”; in realtà è un signor cereale, non avendo nulla di meno del frumento, se non qualcosa in più.

Di fatto le spighe del farro somigliano molto a quelle del grano tenero, ma i suoi chicchi (farrum , per i latini) sono più duri e resistenti, quindi anche meno soggetti a contaminazione da pesticidi.

La farina di farro è pregevolissima, permette di confezionare prodotti da forno eccezionali, come focacce, crackers, grissini croccanti e dal leggero retrogusto di nocciola tostata e un pane altrettanto saporito. La pasta , poi, ha un gusto speciale che si sposa in modo straordinario con sughi di verdure e con il pesto.

Ma il bello del farro, così come dell’orzo, è che ne possiamo gustare i chicchi semplicemente lessati e uniti alle verdure in una bella insalata , un po’ come il riso.

 

Quali proprietà nutritive possiede il farro? Tantissime!

 

Innanzi tutto, il farro è più proteico del grano comune, è ricco di fibre e di minerali importanti per la nostra salute, come il ferro, il magnesio, il potassio, il calcio, il sodio e il fosforo. Inoltre, è anche una buona fonte di vitamine del gruppo B , a fronte, peraltro, di un apporto calorico inferiore rispetto al frumento e di una maggiore digeribilità. Tuttavia, al suo interno è contenuto anche il glutine , la proteina che scatena reazioni allergiche anche importanti in chi sia celiaco o intollerante.

Per tutti gli altri, il consiglio è quello di riscoprire questo cereale antico e completo per creare ricette inedite e originali, oppure per portare in tavola i grandi classici della tradizione gastronomica contadina. Un esempio? Legumi e farro , una combinazione perfetta sotto il profilo nutrizionale. La pasta la possiamo condire anche con un filo di olio extravergine d’oliva di prima qualità e una spolverata di parmigiano, il piatto è perfetto così! Ma per l’estate, un’idea vincente è quella di usare il farro come base per un’insalata ricca a base di verdure.

 

Farro, fave e ravanelli: una ricetta allegra e freschissima, da leccarsi i baffi

 

Ingredienti per 4 persone:
• 250 g di farro
• 250 g di favette fresche dolci e tenere (altrimenti sbollentatele per una decina di minuti)
• 1 mazzetto di ravanelli dolci
• 2 pomodori insalatari
• 1 finocchio
• 1 peperone giallo
• Rucola (qualche fogliolina)
• 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
• Sale e pepe q.b.

Preparazione:
Il farro va lasciato in ammollo almeno 12 ore prima di essere cucinato (un po’ come i legumi secchi), quindi si deve sciacquare e lessare in acqua salata per circa 1 ora. Una volta cotto, lasciatelo riposare nella sua acqua per 5 minuti, coperto, quindi scolatelo e passatelo sotto il getto dell’acqua fredda. Intanto, preparate le verdure lavando e asciugando la rucola, sbucciando le favette e affettando il peperone a pezzetti dopo averlo lavato. Lavate e asciugate anche il finocchio e tagliatelo a listarelle sottili e affettate i pomodori a spicchi eliminando i semini e l’acqua in eccesso. Infine lavate, sbucciate e affettate a rondelle i ravanelli e mettete tutte le verdure in una insalatiera. Aggiungete il farro e condite con l’olio, il sale e il pepe a piacere mescolando bene. Servite e gustate!



Foto: Spring Spelt Salad 2 | Salads



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X