Meteorismo e disturbi digestivi: ecco le regole d'oro per combatterli

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Meteorismo e disturbi digestivi: ecco le regole d'oro per combatterli

04-09-2013 - scritto da Paola Perria

Acidità di stomaco e gonfiore sono spesso figli delle nostre cattive abitudini, ma si può rimediare

Il meteorismo e il mal di stomaco possono diventare un ricordo seguendo qualche semplice regola di buon senso

Meteorismo e disturbi digestivi: ecco le regole d'oro per combatterli Chi è che non si è trovato alle prese con disturbi digestivi come meteorismo, acidità di stomaco, magari colite o gastrite? Non parliamo di quelle indigestioni occasionali che in genere seguono la canoniche abbuffate delle feste, quando si mangia e si beve sempre troppo, finendo per stare male. Piuttosto ci riferiamo a quei malesseri che ormai sembrano colpire sempre più soggetti giovani (neppure i bambini sembrano esserne immuni), senza cause apparenti.

Il generico mal di stomaco, il senso di bruciore a livello epigastrico, la difficoltà e la lentezza della digestione, problemi di stitichezza alternata a diarrea, infatti sono altrettanti segnali che un certo equilibrio, nel nostro corpo, si è rotto. Molte persone si recano dal medico e si sottopongono a tutti gli esami e gli accertamenti che in genere si prescrivono per la diagnosi delle malattie del tubo digerente, senza, però arrivare a scoprire la causa del loro malessere.

In questi casi si parla sempre di gastrite nervosa, di colite spastica, di generica dispepsia da stress. E l'unica cura per questo genere di sintomi (perché tali sono), è la prescrizione di qualche farmaco anti-acido da assumere all'occorrenza, che, alla lunga, finisce per esacerbare l'irritazione degli organi digestivi. Che fare? Bé, il gonfiore addominale, il non riuscire a digerire i cibi in modo corretto, potrebbe stare ad indicare che non siamo più capaci di ascoltare il nostro corpo e le sue esigenze.

Rallentare i ritmi, questa è la prima soluzione. Mangiare è un piccolo rito, riscopriamo il piacere di sederci a tavola e consumare i nostri pasti con la necessaria calma, magari svegliandoci un po' prima al mattino o modificando i nostri tempi di lavoro. Masticare lentamente ogni boccone, dedicare il giusto tempo ad ogni pietanza, "sentendo" pienamente il gusto dei cibi e fermandoci quando ci sentiamo sazi, ma non pieni, è una buona abitudine da recuperare, che in troppi abbiamo perso, o mai avuto.

Anche la scelta degli alimenti è cruciale. Preferiamo ciò di cui conosciamo la provenienza, siano frutti, ortaggi o carni, pesce e formaggi. Acquistiamo prodotti freschi e di stagione, possibilmente a km zero. Componiamo i nostri menù in modo che siano bilanciati e non eccediamo mai nei condimenti, nei grassi, nel sale e negli zuccheri. Scegliamo gusti neutri e gradevoli al palato, alterniamo cibi cremosi o brodosi a cibi crudi o da "sgranocchiare", e non ceniamo mai troppo tardi, a ridosso dell'ora di andare a dormire.

Questo favorirebbe tutti i disturbi del tubo digerente, soprattutto il reflusso gastroesofageo. Cerchiamo di evitare di mangiare per motivi che non siano la necessità di nutrirci e il piacere di condividere il cibo con i nostri cari. Quindi la noia, la rabbia, l'insoddisfazione, la paura, la tristezza, la frustrazione, non siano scuse per affogare nel cibo. Esso ci serve per sostentarci e per gratificarci, ma non è una panacea di tutti i mali. Se restituiamo al cibo il suo valore, se mangiamo con piacere e lentamente, se ci alziamo da tavola grati per l'energia che abbiamo assimilato, pian piano anche il meteorismo, il gonfiore, l'acidità, spariranno.


Foto| via Pinterest

A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X