Morbillo nel bambino

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Morbillo nel bambino

08-11-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Sintomi, contagio ed incubazione del morbillo

Cosa fare in caso di morbillo e per prevenirlo

Morbillo nel bambino Il morbillo è una delle malattie esantematiche tipiche dell’infanzia ed è provocata da un virus: è una delle infezioni più contagiose che si conoscano. Il contagio infatti avviene per via aerea ovvero attraverso goccioline di saliva che si volatilizzano con uno starnuto, un colpo di tosse o anche solo parlando o giocando insieme ad un bimbo affetto da morbillo.

Questi è contagioso dai 3 giorni prima della manifestazione della malattia fino al 5° giorno circa l’eruzione cutanea. Data la contagiosità, in caso di morbillo il bambino non può essere riammesso a scuola se non dopo questo termine minimo.

L’incubazione è in genere di 10 giorni, ma può arrivare anche fino a 18. I sintomi cominciano con un leggero stato di malessere, con febbre lieve, poi tosse stizzosa e raffreddore, occhi arrossati e lacrimanti soprattutto all’esposizione della luce. Sul finire di questa fase, tipica di ogni sindrome influenzale/ virale, all’interno delle guance compaiono le prime bollicine, bianche (note come macchie di Koplik), prodromo dell’esantema esterno tipico del morbillo che si sviluppa dopo circa 3 giorni: chiazze rosso vivo inizialmente dietro le orecchie e sulla fronte per poi arrivare al viso, tronco ed arti, il tutto accompagnato da picchi di febbre molto alta.

Una volta che l’esantema è arrivato filo ai piedi, comincia a schiarirsi e tutti i sintomi a migliorare. Solo la tosse può a volte persistere per ulteriori 6-7 giorni. Non esistono cure specifiche atte a contrastare il virus, ma solo dei rimedi per tenere sotto controllo i sintomi (come l’antipiretico per la febbre).

Purtroppo non rare le complicanze come l’otite, la laringite o la broncopolmonite. L’encefalite è comunque la più temibile: colpisce 1 bambino ogni 1.000, può essere fatale o lasciare grandi danni neurologici. E’ per questo motivo che la vaccinazione è fortemente consigliata.

Foto: Flickr


A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X