Quali sono i rischi di una dieta improvvisata?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Quali sono i rischi di una dieta improvvisata?

16-01-2011 - scritto da massimo.murari

Come riequilibrare il metabolismo dopo gli eccessi invernali

Il sovrappeso e la cellulite non si combattono digiunando, ma riequilibrando il metabolismo, dopo gli eccessi invernali, con una dieta moderatamente ipocalorica ma completa.

Quali sono i rischi di una dieta improvvisata?

In tutte le religioni sono presenti "riti di purificazione" concentrati, curiosamente, in primavera; molte scuole di pensiero attuale hanno trasposto questi precetti dogmatici al "benessere" ed alla salute imponendo ai loro adepti "diete disintossicanti" primaverili.

Non esistono prove scientifiche concrete di qualche "intossicazione", in particolare non si capisce da cosa l'organismo possa essere "intossicato" nel senso medico-scientifico del termine: cioè la presenza di sostanze che interferiscano negativamente con il metabolismo cellulare.

Più realisticamente: dopo l'iperalimentazione invernale (anticamente per contrastare il freddo, oggi soprattutto per motivi sociali) si è sentita la necessità di una "dieta" che consentisse il calo ponderale, quindi i digiuni ammantati di significati religiosi o, attualmente, ideologici.
Non è tuttavia con i digiuni, totali o parziali che si può recuperare un peso accettabile per la propria costituzione: il cosiddetto peso-forma.
Quindi una dieta primaverile è certamente indicata, ma che sia equilibrata, calcolata cioè sui propri parametri corporei e che non manchi di nessuno dei principi nutrizionali: Carboidrati, Lipidi e Proteine oltre naturalmente a fibre sali ed oligoelementi.



QUALI SONO I RISCHI DI UNA DIETA IMPROVVISATA?

 

  • Anemia da carenza di ferro (se non si mangia carne),
  • Alterazioni della funzione tiroidea (se non si mangia pesce ricco di Iodio) con possibilità paradossa di aumento ponderale da ipotiroidismo,
  • Alterazioni del ciclo mestruale (gli ormoni sessuali vengono sintetizzati a partire dal tanto vituperato colesterolo!),
  • Alterazioni della funzionalità renale (da riassorbimento di proteine muscolari - senza dimenticare che anche il cuore è un muscolo!).

Inoltre anche dal punto di vista estetico i danni sono evidenti:

  • il seno femminile è costituito in buona parte di grasso: cali repentini accompagnati da carenze proteiche determinano un rilassamento sia del turgore della mammella che dei tessuti di sostegno;
  • la cute non più sostenuta dalla sua componente proteica si "smaglia" e compaiono rughe e smagliature;
  • i capelli necessitano di rame, ferro, zinco e zolfo presenti come oligoelementi e costituenti degli aminoacidi (proteine!).

Non dimentichiamo poi che zuccheri (anche semplici) e proteine sono indispensabili per la sintesi dei neurotrasmettitori (Serotonina e Dopamina) definiti gli "ormoni del buonumore".

Quindi il sovrappeso e la cellulite non si combattono digiunando, ma riequilibrando il metabolismo, dopo gli eccessi invernali, con una dieta moderatamente ipocalorica ma completa.



Dr. Massimo Murari
via Melchiorre Gioia, 171
Milano - tel. 02/67074034

Profilo del medico - massimo.murari

Nome:
Massimo Cesare Murari
Comune:
Milano
Telefono:
0267074034
Professione:
Medico di medicina generale (convenzionato)
Specializzazione:
Endocrinologia e malattie del ricambio, Diabetologia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X